Pasqua. Il quasi casatiello con lievito madre al forno di Max Sepe

A Massimiliano Sepe piace molto seguire le tradizioni del suo territorio che è quello bello ricco di Fondi. E a me è sempre piaciuta la sua cucina di terra e di mare compresi quei “malefici” sgonfiotti che potrei mangiare a vagonate. A “Max” Sepe ho chiesto se usa fare il tortano salato e quello dolce. Certo, lo chiamano casatiello nella versione salata anche se non porta le uova e tortano in quello dolce. Ne ha preparati due, a lievito madre e cotto nel forno a legna (!!). E ora al lavoro. Se iniziate domani mattina, per il Lunedì dell’Angelo siete a posto. Ecco cosa consiglia. (V.P.)

Il casatiello alla maniera di Fondi

Fondi è una cittadina Laziale, una volta contea di confine del Regno delle Due Sicilie e in particolare Terra di Lavoro. Terra di confine e contaminazione tra culture diverse, dalle tradizioni campane alle invasioni Saracene fino alla convivenza con una comunità Ebraica residente per molti anni.
La nostra cucina è così stata plasmata da quest’incontri e dalla ricchezza di un territorio che si snoda dai Monti Aurunci e dal lago fino a sfociare in un mare ricco e generoso. Così anche le ricette del Casatiello seguite dalla nonna e dalle zie sono influenzate da tutto ciò. Io ho cercato di restare più fedele possibile nel rincorrere quei profumi e sapori che nel periodo di Pasqua si avvertivano con molto piacere tra i vicoli del centro storico della mia Fondi.

Primo impasto
1 kg farina manitoba
240 g lievito madre rinfrescato 3 volte
100 g burro morbido
100 g di strutto
300 g di acqua
150 g di birra Re Ale (birrificio del Borgo)
9 g di zucchero

Impasta bene e fai lievitare a 26° per 12 ore

Secondo impasto
primo impasto
200 g di acqua
3 uova
30 g di strutto
100 g di pecorino grattugiato
100 g di parmigiano grattugiato
12 g di sale
15 g di pepe nero macinato
380 g di farina tipo 0
un cucchiaino di miele

Impasta il tutto, controlla la consistenza e, se necessario, aggiungi farina 0.

A questo punto aggiungi

200 g di salsiccia tipica di Fondi (ai semi di coriandolo) a dadini
100 g di salame tipo Napoli a dadini
150 g di pancetta a dadini
100 g di provolone a dadini (io ho usato in questo caso il semi stagionato di Recco)

Dividi in 4 pezzi e lascia riposare per una mezz’ora.

Ungi i classici testi a ciambella con un po’ di strutto, adagia per bene l’impasto che andrà spennellato con poco strutto (a piacere si possono mettere delle uova fresche e fermarle con un po’ di pasta).

Lascia lievitare a 26° per circa 6-8 ore

Infornare a 180° per 50 minuti.



4 commenti su “Pasqua. Il quasi casatiello con lievito madre al forno di Max Sepe

  1. la salsiccia,per intenderci, è della stessa tipologia di quella di Scherzerino, io mi son limitato ad usarne une di quelle appese in cantina a casa :-))

  2. Uffi… ma non si potrebbe per una volta mettere da parte i mostri sacri? Roscioli c’avrà
    un sacco da fare e Bonci oggi pomeriggio m’è sgattaiolato via dentro un negozio di Hi-Fi su via Cipro mentre cercavo di fargli gli auguri… Sto ciccione… :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

WP-SpamFree by Pole Position Marketing