Roma | Ecco i locali che consiglio a Anthony Bourdain

Nel nuovo programma di Anthony Bourdain “The Layover” il conduttore trascorre poco più di 30 ore mangiando in una città. La scorsa settimana la meta è stata Roma.

Ho ricevuto una decina di email dove mi si chiede un’opinione dei locali visitati da Bourdain. Ecco la mia risposta: andate da Pizzarium ma lasciate perdere tutti gli altri.

Penso che se il visitatore gourmet avesse 30 ore da passare a Roma, dovrebbe essere indirizzato in posti che vale la pena di inserire in una breve lista di posti dove fermarsi a mangiare.

Invece, nel programma ci sono locali presi a caso e locali non molto buoni. C’è un must assoluto (Pizzarium), un luogo dove si mangia bene e a costi contenuti (I Porchettoni) ma tutto il resto è ben lontano dall’essere il meglio nella sua categoria. Sembra che Bourdain segua i consigli di una guida vecchia di 10 anni… e invece i consigli sono del location producer che ha perso un’occasione per riconoscere grandi posti.

Ho pensato che sarebbe stato divertente stilare il mio personale The Layover e dare anche qualche suggerimento agli stranieri su dove mangiare a Roma avendo a disposizione un giorno e mezzo.

Giorno 1: Il caffé da Sciascia, il pranzo al Pizzarium (almeno uno dei luoghi del The Layover merita una breve visita!), il gelato da Fatamorgana, al Gelato di Claudio Torcè, Gori, o da Neve di Latte.

Prima di cena l’indirizzo è Il Goccetto per un po’ di vino, quindi Roscioli per una carbonara e non solo. Dopo cena l’appuntamento è con le birre dell’Open Baladin, con Ma Che Siete Venuti a Fa o Blind Pig.

Giorno 2: per una colazione saporita il mio consiglio è  di andare al Forno Roscioli per un pezzo di pizza bianca appena sfornata (è impensabile venire a Roma e non provarla!), per il pranzo Armando al Pantheon per la sua eccezionale gricia e coda alla vaccinara o L’Arcangelo per supplì e gnocchi. Per uno spuntino dolce nel tardo pomeriggio c’è Regoli vicino alla Stazione Termini. E a questo punto siete pronti per prendere i treno e tornare all’aeroporto!

E voi quali posti raccomandereste a Roma ad un viaggiatore gourmet a corto di tempo?

[Testo: parlafood.com]



10 commenti su “Roma | Ecco i locali che consiglio a Anthony Bourdain

  1. Cesare al Casaletto…da non perdere per la bontà dei piatti della tradizione romana e perchè offre un’ottima materia prima a prezzi contenuti. Ciao Katie!

  2. Per il gelato come lo vuole la tradizione, I Caruso a via Collina o Pica a via della Seggiola; per la colazione, Bernasconi a via dei Giubbonari; per un buon bicchiere di vino e dei formaggi, Al Bric a via del Pellegrino; per rifarsi gli occhi di pane, pizze, biscotti, Panella a via Merulana; per una cena innovativa, Settembrini nell’omonima via…
    Potrei continuare per ore per quanto mi diverte sforzarmi di pensare ai posti che amo di più della mia città!

  3. ….aggiungo Sora Lella, e l’osteria Fernanda e la mia speciale passione: Settimio al pellegrino. ps pesce numero uno? Chinappi e San Lorenzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.