Birra. Il primo brewpub di Roma è a Eataly e vorrei dire: tanta roba

Inaugurato e subito pronto a scoprire “BIRRERIA” il primo Brewpub della Capitale….Eh?
(voce fuori campo): e allora Tur..*
Ho detto il primo brewpub della Capitale!
(voce fuori campo): e allora il B..*
HO DETTO IL PRIMO brewpub della Capitale!
(voce fuori campo): E allora…*
HO DETTO IL PRIMO BREWPUB DELLA CAPITALE!!!!!
Uffff…..!
Dicevamo; il primo Brewpub DEGNO di portare questo nome nella Capitale, Birra del Borgo, Baladin e Dogfish Head ci mettono la faccia,  le aspettative sono alte, e fortunatamente non sono disilluse,  contestualizzando il luogo e il target di riferimento.

Eataly Roma è una figata pazzesca, un centro commerciale della gastronomia prêt-à-porter e non, per quanto riguarda la birra un piccolo paese dei balocchi. Si inizia a bere alle 12, vai a ordinare da mangiare in uno dei ristoranti (io mi sono dato a un frittino ino ino), gli dai il numero del tavolo, e te lo portano in BIRRERIA.

Tanta roba, qualche scelta che fa storcere il naso ai palati più raffinati ma che comunque ci può stare visto che si parla di birre non comuni o comunque non da supermercato sotto casa. Per fare un esempio, c’è tutta la serie poliluppolata della Poretti.
Ma noi siamo venuti per berci birra
A: seria,
B: fatta in casa.

Il laboratorio entrerà in funzione a breve, le birre comunque sono disponibili e momentaneamente preparate a Borgorose, come ci spiega Brooks Carretta, colui che si occuperà del ciclo produttivo nel laboratorio a vista dell’ex Air Terminal Ostiense; vecchia conoscenza di Birra del Borgo che dopo aver condotto il micro-birrificio all’interno di Eataly New York è tornato a casa.

3 sono le ricette autoctone, una Golden Ale (Buonissima recita l’etichetta) una Dark Mild e un’ambrata speziata.

Iniziamo con la BIRRERIA Golden Ale, “birra dorata buonissima” da 4°, color oro con un cappello bianco mediamente persistente, al naso è buonissima proprio come scrivono, erbacea e resinosa che poi ritroviamo all’ imbocco, fresca beverina e dissetante il giusto: se proprio gli devo trovare una pecca, scarso retrogusto e corpo praticamente non pervenuto, ma proprio come dicevo all’ inizio, contestualizzando il luogo e il target, potrebbe essere un pregio, lascia la bocca pulita e per un non habitué delle birre artigianali può essere un buon prodotto per fargli capire che non si trova di fronte ad un import premium lager del cavolo, senza esagerare e lasciarli “traumatizzati”.

La seconda, la Tina, è una Dark Mild da 4.3°, prodotta con malti tostati, un filino sotto una porter, forse un po’ troppo sbilanciata sul tostato ma come per la BIRRERIA, corpo nullo e bocca pulita, pronti a ripartire di slancio.

Terza brassata a Eataly, la Urma, una ambrata da 6.4° speziata al coriandolo e buccia di arancia con una luppolatura e speziatura costante per 45’. Ormai siamo abituati al corpo vacuo, comunque si sentono i valori aggiunti di questa birra e anche in questo caso palato pulito.

A queste 3 se ne accompagnano altre 7 più complesse, passando dall’Imbranata di BdB (Belgian Ale) fino ad arrivare alla Geuze (acida) di Cantillon.

A tutto questo fa da contorno un reparto birra nazionali e estere; come venivano indicate sui vecchi listini nei bar, quelli con le lettere mobili; ben fornito per tutti i gusti. Ovviamente di Baladin e Bdb c’è tutta la produzione.

DOVETE ANDARCI!

Ho chiuso il mio viaggio con un piacevole acquisto inaspettato, mi sono trovato di fronte allo scaffale appena rifornito di ReAle7 normale e oak aged….

Non mi sono potuto esimere, chiudendo il tutto con un set da 6 bicchieri serigrafati “BIRRERIA”.

Ad majora



11 commenti su “Birra. Il primo brewpub di Roma è a Eataly e vorrei dire: tanta roba

  1. Anche sulle scelte di dimensione secondo me sono stati attenti sia al mercato del settore che al target di riferimento, i prezzi stanno tra sui 5 euri italici di media a seconda della birra, i bicchieri sempre in base alla scelta possono essere o i Teku, che ricordiamo per chi ci legge e non lo sapesse, sono i bicchieri da degustazione per antonomasia, esaltano pregi ma evidenziano anche i difettii, capacità all’ orlo di 42,5 cl, permettono comunque un 33/35 cl con cappello adeguato, oppure i conic (quelli delle foto) da 37 cl all’ orlo, chiamati confidenzialmente le pinte americane (che sono da 47 cl) farlocche, che comunque permettono un 30/32 cl con cappello importante di schiuma
    Stanno in media col mercato, parliamo sempre di prodotti artigianali di qualità, rivolti a un pubblico eterogeneo a maggioranza novizia, sparare bicchieri da 50 cl può essere un arrischio, se uno vuol bere massiccio esistono i pub, il Macche è aperto pure di giorno…

    • Grazie.
      Conosco bene il mercato, la pinta americana e i teku (in realtà ci si incontra molto spesso al Birrifugio ma non ci conosciamo di persona), immaginavo infatti che Eataly si fosse allineato con prezzi e uso del 30/33.
      Io sono passato in mattinata presto lo stesse giorno ma non ho avuto il tempo di spulciarmi i prezzi è stata una visita molto veloce, siccome il prezzo era il dato che mi mancava ero interessato a saperlo.

  2. Una classifica dei luoghi dove bere birra a Roma a questo punto si impone per chi come me andrà a zonzo qualche giorno in vacanza. Grazie!

  3. Brooks Carretta è un grandissimo, il birrificio dispone di abbattitore di temperatura, quindi volendo uno può bere qualsiasi delle 500 birre artigianali presenti in scaffale!!! Ci sarà da divertirsi a Eataly Roma, poi con Pasquale Torrente fronte birrificio l’accoppiata è travolgente!!! buon inizio a tutti

  4. Pingback: Birra. Il primo brewpub di Roma è a Eataly e vorrei dire: tanta roba | birrachepassione | Scoop.it

  5. Condivido pienamente i commenti positivi sulla URMA, con le sue note speziate, i suoi luppoli freschi uniti ad un buon corpo è una bomba. Bravo Brooks !

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

WP-SpamFree by Pole Position Marketing