Sagre. Provare il cibo e la storia Castrum Novum a Castelnuovo Cilento

L’appuntamento è giovane, seconda edizione, ma Castrum Novum promette bene. Più che una sagra, è una manifestazione di rievocazione storica che il Comune di Castelnuovo Cilento ha organizzato e che ha come scenografia il castello ristrutturato dal marchese Atenolfi negli anni Sessanta. Due serate, 25 e 26 agosto, scandite l’una dal corteo dei Cavalli e dei Cavalieri con la chiusura affidata alla Giostra del Carusiello e l’altra dalla rievocazione della Congiura dei Baroni contro Re Ferdinando I che vide nel Castello di Diano e nelle terre della Lucania dei Sanseverino scene e protagonisti.

Gaetano Stella e Matteo Salsano curano la regia e la direzione artistica delle due giornate e, a giudicare dalle foto (a proposito, se andate sul sito del Comune vedrete che è previsto anche un concorso fotografico Fotogrammi Medievali), lo spettacolo è assicurato.

Sul fronte gastronomico, siamo alla classica produzione di stand con prodotti e preparazioni locali.

  • Pizza fritta (speriamo sia quella buona)
  • Calzoni con verdure degli orti circostanti
  • Acquasale
  • Pane casareccio e biscottato nei forni a legna domestici
  • Melanzane in vari modi, soprattutto ‘mbuttunate
  • Mozzarella fatta a mano sul momento
  • Dolci
  • Menù a sorpresa dell’Ipsar Ancel Keys di Castelnuovo Cilento (l’anno scorso, pasta e fagioli, zuppa di cereali)

Ma, soprattutto, (e qui confesso il mio conflitto di interessi) ci sarà il miele di castagno del mio “trasportatore di mozzarella di bufala” e le marmellate della mia pusher Adele. Un motivo in più per andare ad assaggiare questo spettacolo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.