La pizza? Mangiala con le mani. E’ il nuovo galateo british, secondo Debrett’s

Mangiare con le mani non è più tabù, neanche per la bibbia del galateo britannico, la Debrett’s, “moderna autorità in fatto di etichetta”, come si autodefinisce. Guida che, messa alle strette dal dilagare del cibo italiano, ha dovuto rivedere qualche dettame di bon ton e ha appena dato alla luce un galateo del consumo del finger food.

Nuovi scenari di informalità si aprono da oggi, ad esempio, per calzoni e pizza, così presenti nelle tavole d’Oltremanica. Per mangiare i quali, senza perdere la patente di commensale beneducato, assicurano i consulenti della guida, forchetta e coltello non sono più indispensabili.

Le buone maniere, si legge nella versione dedicata al finger food italiano, “non devono avere un impatto negativo sul piacere di mangiare in famiglia o con gli amici”. Mani libere, quindi e bando alle posate. Con qualche ovvia restrizione che vi mettiamo in ordine di perentorietà, fino agli scontati divieti in fondo all’elenco, praticamente l’abc delle buone maniere a tavola, a prescindere da ciò che c’è nel piatto.

  1. Quando mangiate con le mani, non tenete il piatto troppo in disordine;
  2. Non curvatevi sul piatto;
  3. Mettete il tovagliolo sulle ginocchia per evitare di sporcarvi;
  4. Pulitevi le mani se necessario, ricordando però che mani leggermente sporche sono appropriate alla situazione, quindi gradite;
  5. Mangiate a piccoli morsi raccogliendo con la forchetta (e non con le dita) ciò che cade nel piatto e se proprio dovete raccoglierlo con le mani, evitate tassativamente di leccarvi le dita;
  6. Presi dall’entusiasmo dell’informalità, non invadete lo spazio del vicino;
  7. Non mettete i gomiti sul tavolo;
  8. Non usate il telefono a tavola;
  9. Non pulitevi la bocca con le mani;
  10. Non parlate a bocca piena.

[Link: telegraph.co.uk Immagine: leonardoromanelli.it]



martedì, 27 novembre 2012 | ore 7:31

3 commenti su “La pizza? Mangiala con le mani. E’ il nuovo galateo british, secondo Debrett’s

  1. Caro Pagano digli a Debrett’s …che la pizza, va mangiata sempre e soltanto con le mani, come si fa a Napoli, dai tempi lontani, ma anche quelli di oggi. Non ha senso sottoporre la pizza alla tortura della forchetta e il coltello, che le fa perdere calore, aroma e quindi sapore. Certo, una pizza non troppo grande e non troppo condita, come quelle a portafoglio, e più facile accartocciarla e mangiarla alla buona con un po’ d’attenzione, senza farsi colare addosso olio, mozzarella, pomodoro. Oggi le pizze sono più grandi, più ricche, il problema c’è: ma suggerisco una soluzione pratica che ho sperimentato e fatto sperimentare tante volte, con successo ai miei clienti: tagliare la pizza a spicchi, o in quatto o sei, e mangiare con le mani questi grossi pezzi accartocciati. Ci si riesce benissimo, e la pizza offre tutti i suoi splendenti sapori e profumi secondo i momenti, i luoghi, i gusti di chi se le concede. Ciao …il tuo amico Ernesto Fico!

  2. La pizza sempre e solo con le mani,mai usato posate….certo che la pizza deve essere morbida e facilmente pieghevole a portafoglio,altrimenti e’ tutto un saltare di pezzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.