11 ricette da assaggiare almeno una volta nella vita. Prendete nota

pane-formaggio-Romeo-ristorante-Roma

L’esplorazione di un luogo attraverso il cibo è una tappa  fondamentale per ogni viaggiatore che afferra una cultura sconosciuta con intensità e precisione.

Potrei scavare all’infinito negli ingredienti di ogni cucina, mangiando e studiando, bevendo e annusando, scoprendo finissime prelibatezze e specialità note solo agli indigeni e ai conoscitori più esperti.

Ma ci sono elementi che tutti associamo naturalmente a una nazione o a un intero continente. Cibi che si sono trasformati in icone di un luogo.

Da questa idea è partito Henry Hargreaves, fotografo neozelandese che non ha paura di giocare con il cibo (in un’altra famosa serie ha fritto laptop, ipad et similia). Con l’aiuto di Caitlin Levin ha realizzato strabilianti, minuziosissime mappe in cui nazioni e continenti sono visualizzate attraverso il loro ingrediente più conosciuto.

La Francia è fatta di pane e formaggio (fermi tutti, non facciamo polemiche), la Nuova Zelanda di kiwi, il Sud America di agrumi brillantissimi.

L’Italia, una delle più riuscite, è fatta con pomodori rossi e verdi strepitosi. E poi altri luoghi dagli Stati Uniti al Giappone.

E siccome queste foto fanno venire fame, è importante avere a portata di mano le ricette giuste per trasformare la materia prima in poesia pura.

Passaporto, biglietto, partiamo.

India

India

Chana Masala (curry di ceci)

Ingredienti

Olio vegetale
3 bacche di cardamomo
6 chiodi di garofano
2 foglie di alloro
1 bastoncino di cannella spezzato a metà
15g di semi di cumino
500g di cipolle finemente tritate
1 cucchiaino di curcuma
15g di pasta di aglio e zenzero
1 cucchiaino di polvere di chili indiana (o 2 cucchiaini di pepe di cayenna)
500g di pomodori a cubetti
80g di polvere di channa masala
250/500ml di acqua, quanto basta
600g di ceci
sale
succo di un lime
coriandolo tritato

chana masala

Procedimento

Fate scaldare una padella dai bordi alti su fuoco vivace. Aggiungete olio a coprire il fondo e scaldatelo. Aggiungete il cardamomo, i chiodi di garofano, l’alloro, la cannella e il cumino, e friggete per circa 30 secondi. Aggiungete la cipolla e un cucchiaino di sale e friggete per una decina di minuti.

Unite la curcuma e la pasta di aglio e zenzero, cuocete per 1-2 minuti.

Aggiungete i pomodori e fate andare per 15 minuti o sin che non si sono sfatti e la maggior parte del liquido è evaporata.

Unite la polvere di channa masala e il chili, e cuocete per altri 2-3 minuti.

Aggiungete l’acqua, la quantità dipende dalla densità desiderata nel piatto finito. Unite i ceci e fate sobbollire per una decina di minuti per addensare un po’ la salsa. Salate, aggiungete il succo di lime e il coriandolo. Servire con riso o pane indiano.

Cina

Cina

Dan Dan Mian (noodles piccanti del Sichuan)

Ingredienti

250 g di maiale o manzo macinati
15 ml di olio di arachidi
2 spicchi di aglio tritati
1 cucchiaino di zenzero tritato
2 cipolline tritate (sia la parte bianca che la verde, tenute separate)
15 ml di vino di riso cinese o sherry secco
pizzico di sale
150 g di noodles cinesi all’uovo
una manciata di arachidi tritate finemente

Per la salsa

120 ml di brodo di pollo o acqua
60 ml di salsa di soia
1 cucchiaio di pasta di sesamo o tahina
2 cucchiai di aceto nero di riso Cinese, o aceto balsamico
3 cucchiai di olio piccante (o meno, se non lo si vuole troppo piccante)
1 cucchiaio di olio di sesamo
2 cucchiaini di zucchero
½ cucchiaino di bacca di Sichuan tritata

Dan Dan Noodles

Procedimento

Fate cuocere i noodles in acqua bollente. Scolateli, sciacquateli in acqua fredda e scolateli di nuovo. Metteteli da parte nel piatto da portata.
Preparate la salsa: in una ciotola, mescolate con una frusta il brodo, la salsa di soia, la pasta di sesamo, l’aceto, l’olio piccante, l’olio di sesamo, lo zucchero e la bacca di Sichuan. Versate la salsa sui noodles e mescolate per distribuirla bene.

Scaldate il wok su fuoco medio, aggiungete l’olio e inclinatelo per ungere bene tutto. Aggiungete l’aglio, lo zenzero, la parte bianca della cipollina e cuocete per circa 30 secondi. Aggiungete la carne e fate andare a fuoco vivace sin che la carne è pronta. Aggiungete il vino di riso per sgrassare e salate.

Versate la carne sui noodles, spolverate con la cipollina verde e le arachidi tritate e servite.

Francia

Francia

Croque Madame

Ingredienti

50 g di burro
50 g di farina
500 ml di latte
350 g di Gruyère grattugiato
125 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
sale e pepe
noce moscata
12 fette di pane belle spesse
60 g di senape di Dijon
12 fette sottili di prosciutto cotto
olio vegetale
6 uova

Croque Madame

Procedimento

Preparate una besciamella facendo sciogliere il burro a fuoco medio, aggiungendo la farina e sbattendo con una frusta per un minuto circa. Versate il latte e portate a bollore. Abbassate la fiamma e lasciate sobbollire e addensare per circa 6-8 minuti. Aggiungete metà del Gruyère e il parmigiano, e fate sciogliere mescolando con la frusta. Salate, pepate e grattate la noce moscata.

Accendete il grill. Spalmate la senape sulle fette di pane, aggiungete due fette di prosciutto ciascuna e il restante Gruyère. Lasciateli andare sotto al grill per un paio di minuti in modo da far sciogliere il formaggio, poi aggiungete la seconda fetta di pane e versate generosamente la besciamella su ogni croque. Lasciate sotto al grill a dorare per altri 3-4 minuti.

Intanto scaldate l’olio e preparate le uova all’occhio di bue, cuocendole circa 3 minuti, e appogiatene una su ogni croque appena uscito dal forno. Servire bollente.

Nuova Zelanda

Nuova Zelanda

Pavlova al kiwi e frutto della passione

Ingredienti

6 albumi
320 g di zucchero superfine
15 g di maizena
1 cucchiaino di aceto bianco
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
300 ml di panna
15 g di zucchero a velo
4 kiwi
2 frutti della passione

Pavlova

Procedimento

Scaldate il forno a 120°C/100°C se ventilato. Foderate una teglia con carta da forno.
Montate bene gli albumi, aggiungete lo zucchero continuando a sbattere e dopo 10 minuti unite la maizena, l’aceto e la vaniglia.

Versate il composto a cucchiaiate sulla teglia, creando un cerchio di una ventina di centimetri di circonferenza, e avendo cura di lasciare i bordi più alti del centro in una sorta di corona.
Infornate per un’ora e un quarto circa, e lasciate raffreddare nel forno con lo sportello leggermente aperto.

Montate la panna con lo zucchero a velo. Componete il piatto con la panna sopra alla meringa e aggiungendo le fettine di kiwi e la polpa di frutto della passione per completare.

Australia

Australia

Shrimp on the barbie (gamberi BBQ)

Ingredienti

120 g di burro sciolto
60 ml di olio d’oliva
una manciata di odori tritati (prezzemolo, timo e coriandolo)
3 cucchiai di succo di limone
3 spicchi d’aglio
1 scalogno tritato
sale e pepe
600 g di gamberoni puliti lasciando la coda

gamberi BBQ

Procedimento

Mescolare i primi 8 ingredienti in una ciotola. Unire i gamberoni e lasciar marinare per 1 ora a temperatura ambiente o 5 ore in frigorifero, mescolando di tanto in tanto.
Far partire il barbeque o la griglia, preparare degli spiedini con i gamberoni e cuocerli per circa 2 minuti per lato.

Stati Uniti

Stati Uniti

Cornbread (focaccia di mais)

Ingredienti

100 g di burro
250 g di farina di granturco
180 g di farina bianca
15 g di zucchero
1 cucchiaino di lievito in polvere
½ cucchiaino di bicarbonato
pizzico di sale
2 uova leggermente sbattute
350 ml di latticello

cornbread

Procedimento

Scaldate il forno a 220°C e imburrate leggermente una teglia di 20cm.

Mescolate la farina di granturco a quella bianca. Aggiungete lo zucchero, il lievito, il bicarbonato e il sale. In un altro recipiente, mescolare le uova leggermente sbattute con il latticello e il burro e versare il composto ottenuto sulle farine, mescolando bene ma non troppo a lungo: l’impasto rimarrà un po’ grumoso. Versare nella teglia e infornare, cuocendo sino a che la focaccia non sarà dorata e uno stuzzicadenti inserito non uscirà asciutto, circa 20-25 minuti.
Lasciar raffreddare una decina di minuti prima di servire.

America del Sud

America del Sud

Ceviche

Ingredienti

800 g di pesce bianco tipo Tilapia
8-10 spicchi d’aglio
1 cucchiaino di sale
½ cucchiaino di pepe nero
2 cucchiaini di coriandolo fresco sminuzzato
1 peperoncino habanero sminuzzato (oppure il vero Aji Amarillo peruviano)
Il succo di 8-12 lime
1 cipolla rossa affettata finemente e risciacquata

Ceviche

Procedimento

Combinare tutti gli ingredienti tranne la cipolla rossa, e mescolare bene.
Spargere la cipolla rossa sopra al composto e lasciar marinare in frigorifero per almeno 2-3 ore prima di servire.
Al momento di servire, mescolare bene e aggiungere un’insalata di verdura fresca tipo lattuga, mais, avocado o carote a lato.

Giappone

Giappone

Capesante con alghe nori

Ingredienti

200 g di capesante fresche, senza il corallo
60-75 ml di salsa banno (o di soia normale)
olio vegetale o di girasole
alga nori
shichimi togarashi o peperoncino

Per la salsa banno

100 ml di mirin
300 ml di salsa di soia
1 pezzo di alga kombu di 10 cm

capesante

Procedimento

Per la salsa banno: portate a ebollizione il mirin in un pentolino, poi abbassate la fiamma e cuocete per altri 2-3 minuti su fuoco basso per far evaporare l’alcol. Togliete dal fuoco e unite la salsa di soia e l’alga kombu. Fate raffreddare e mettete in frigorifero.
Mettete le capesante in una ciotola e fatele marinare nella salsa banno per 2-3 minuti. Scaldate un po’ di olio in una padella e cuoceteci uniformemente le capesante da entrambi i lati. Quando sono dorate, cospargete con un po’ di shichimi togarashi.
Toglietele dalla padella, sistematele su un piatto e mettetele fra due pezzi di alga nori. Mangiatele prima che le alghe perdano la loro croccantezza.

(da Cucina Giapponese di Casa, di Harumi Kurihara)

Gran Bretagna

Gran Bretagna

Scottish Shortbread cookies

Ingredienti

115 g di burro a temperatura ambiente
55 g di zucchero a velo
130 g di farina
40 g di farina di riso
Un pizzico di sale

Zucchero di canna

Shortbread

Procedimento

Scaldate il forno a 150°C. Lavorate il burro con un cucchiaio di legno sino a renderlo morbido, poi incorporate lo zucchero a velo e il sale. Aggiungete entrambe le farine al composto, lavorando sino ad ottenere un impasto liscio. Aggiungere un poco di burro se necessario.

Stendete la pasta sino a uno spessore di circa 1cm e ritagliate i biscotti. Metteteli su una teglia rivestita di carta forno e lasciateli in frigorifero a riposare per un quarto d’ora circa.

Cuoceteli per 30 minuti circa, sin che i biscotti non sono dorati ma non troppo scuri.

Lasciate raffreddare per qualche minuto e spolverateli con lo zucchero di canna, trasferendoli su una griglia a raffreddare.

Africa

Africa

Zeppole (perdonatemi) di banana verde

Ingredienti

1 banana molto matura
3 cucchiai di farina bianca
2 cucchiaini di lievito in polvere
Mezzo bicchiere di acqua tiepida
Peperoncino habanero (o pepe di cayenna)
Sale
Olio vegetale per friggere

banane fritte

Procedimento

Mescolare lievito ed acqua eliminando i grumi e mettete da parte. Schiacciate la banana con una forchetta. Setacciate la farina e aggiungete un pizzico di sale, poi la miscela di acqua e lievito e mescolate sino ad ottenere una crema, a cui incorporare poi la banana schiacciata mescolando bene.
Lasciar riposare il composto, coperto da un foglio di alluminio, per un quarto d’ora circa.
Trascorsi quindici minuti, sbattere il composto con un cucchiaio e aggiungere il peperoncino tagliato a pezzettini, oppure il pepe di cayenna.
In un tegame dal bordo alto scaldare l’olio e lasciar cadere il composto a cucchiaiate. Friggere le zeppoline muovendole spesso sin che non sono belle gonfie e dorate, e trasferirle poi su un foglio di carta da cucina ad asciugare.

Italia

Italia

Pomodori

Non c’è miglior modo di valorizzare il divin pomodoro di una passata perfetta.

Salsa al pomodoro

Proprio come quella che Aurora Mazzucchelli ha raccontato a Dissapore pochi mesi fa.

pomodori messi a cuocere

O quella che Ilario Vinciguerra ha condiviso qui su Scatti di Gusto.

E ora a voi: quali ingredienti e ricette portereste in valigia?

[Immagini: Henry Hargreaves, soberfornow, appetiteforchinawall4all.me, Mark O’Meara/taste.com.au, Eatingand, Simply Scratch, hogarutil.com, Felicity Cloake/The Guardian,



lunedì, 24 marzo 2014 | ore 8:34

5 commenti su “11 ricette da assaggiare almeno una volta nella vita. Prendete nota

    • Certamente, la Pavlova è un dolce neozelandese creato negli anni 20 in un hotel di Wellington, in onore della ballerina Anna Pavlova che si trovava in tour nel paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.