I migliori 50 vini di Italia: la classifica 2014 premia Piemonte e Toscana

Luca-Gardini

Come c’è la 50 Best dei Ristoranti che incorona ogni anno la migliore tavola del mondo, esiste la Top 50 dei vini in Italia. La classifica nasce da un’idea di Andrea Grignaffini e Luca Gardini, universalmente riconosciuto come il miglior sommelier del mondo (anche se il titolo è di qualche stagione fa).

Obiettivo dichiarato: dare visibilità alle eccellenze del vino in Italia e all’estero (quest’anno con il valore aggiunto dell’Expo 2015). Oltre a fornire qualche spunto ai ristoratori alle prese con le proprie carte dei vini. 

Fiorduva Marisa Cuomo

Vince il Veneto con un Valpolicella, ma la supremazia in termini quantitativi è del Piemonte che piazza ben 21 vini su 50. A seguire, la Toscana con 15 etichette. In due arrivano a 36 e lasciano le briciole a Lombardia (3), Campania (2), Alto Adige (2), Marche (2), Sicilia (2), Abruzzo (1), Puglia (1), Veneto (1), Sardegna (1)

I migliori 50 vini d’Italia

DalForno_Romano_brothers_web

  1. Dal Forno Romano – Valpolicella Superiore Monte Lodoletta 2008 – Veneto
  2. Tenuta Sette Ponti – Oreno 2011 – Toscana
  3. Marisa Cuomo – Costa D’Amalfi Furore Fiorduva 2012 – Campania
  4. Luciano Sandrone – Barolo Cannubi Boschis Luciano Sandrone 2010 – Piemonte
  5. Argiolas – Turriga 2010 – Sardegna
  6. Tenuta San Guido – Sassicaia 2011 – Toscana
  7. Casanova di Neri – Brunello di Montalcino Cerretalto 2008 – Toscana
  8. Valentini – Trebbiano D’Abruzzo 2010 – Abruzzo
  9. Duemani – Duemani 2011 – Toscana
  10. Giuseppe Mascarello e Figlio – Barolo Santo Stefano di Perno 2009 – Piemonte
  11. Capanna – Brunello di Montalcino Riserva 2006 – Toscana
  12. Vietti – Barolo Lazzarito 2010 – Piemonte
  13. Sottimano – Barbaresco Currà 2010 – Piemonte
  14. Podere Poggio Scalette – Piantonaia 2011 – Toscana
  15. Malvirà – Roero Riserva Renesio 2009 – Piemonte
  16. Gorelli Le Potazzine – Brunello Di Montalcino Riserva 2006 – Toscana
  17. Palari – Faro 2009 – Sicilia
  18. Tua Rita – Redigaffi 2011 – Toscana
  19. Marco De Bartoli – Vecchio Samperi Ventennale sa – Sicilia
  20. Ettore Germano – Riesling Hérzu 2012 – Piemonte
  21. Tenuta di Nozzole – Il Pareto 2010 – Toscana
  22. Pio Cesare – Barolo Ornato 2010 – Piemonte
  23. Le Piane – Boca 2010 – Piemonte
  24. Conterno Fantino – Barolo Sorì Ginestra 2010 – Piemonte
  25. Fratelli Alessandria – Barolo Monvigliero 2010 – Piemonte
  26. Tenuta dell’Ornellaia – Masseto 2011 – Toscana
  27. Nino Negri – Sfursat 5 Stelle 2010 – Lombardia
  28. Mastroberardino – Taurasi Riserva Etichetta Bianca 2008 – Campania
  29. Ca’ D’Gal – Moscato d’Asti Vigna Vecchia 2008 – Piemonte
  30. Torraccia del Piantavigna – Ghemme 2007 – Piemonte
  31. Polvanera – Primitivo di Gioia del Colle 17 Vigneto Montevella 2011 – Puglia
  32. Palladino – Barolo Parafada 2010 – Piemonte
  33. Fratelli Barale – Barolo Bussia 2009 – Piemonte
  34. Le Macchiole – Paleo Rosso – 2010 – Toscana
  35. Grattamacco – Grattamacco Bolgheri Rosso Superiore 2011 – Toscana
  36. Ca’ del Bosco – Franciacorta Brut Riserva Cuvée AnnaMaria Clementi 2005 – Lombardia
  37. Pollenza – Il Pollenza 2011 – Marche
  38. Domenico Clerico – Barolo Ciabot Mentin 2010 – Piemonte
  39. Bussia Soprana – Barolo Vigna Colonello 2009 – Piemonte
  40. Elvio Cogno – Barolo Bricco Pernice 2009 – Piemonte
  41. Nervi – Gattinara Molsino 2006 – Piemonte
  42. Ar.Pe.Pe – Grumello Buon Consiglio Riserva 2005 – Lombardia
  43. Castello del Terriccio – Lupicaia 2009 – Toscana
  44. Cortaccia – Brenntal Gewurztraminer 2011 – Alto Adige
  45. Tramin – Terminum Gewurztraminer 2012 – Alto Adige
  46. Prunotto – Barolo Bussia 2010 – Piemonte
  47. Castello di Verduno – Barolo Monvigliero Riserva 2006 – Piemonte
  48. Podere il Carnasciale – Il Caberlot2010 – Toscana
  49. Biondi Santi – Brunello di Montalcino Riserva 2008 – Toscana
  50. Villa Bucci – Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2009 – Marche

E ora tocca a voi inserire qualche dimenticanza. In giro sulla rete si dice, ad esempio, Friuli.

[Link: Divini, Intravino. Immagini: Vincenzo Pagano, prweb]



8 commenti su “I migliori 50 vini di Italia: la classifica 2014 premia Piemonte e Toscana

  1. Che senso ha fare ancora queste classifiche?Luca Gardini premia solo cantine con le quali e’ immanicato o con le quali vorrebbe collaborare.Chissa’ come mai quest’anno non e’ presente collina dei ciliegi?Forse perche dopo essesrsi lasciati brutalmente a suon di bicchieri spaccati nel ristorante di Verona dove erano soci,non li ritiene piu all’altezza?Purtroppo c’e’ gente che si beve ancora queste idiozie.Perche nessuno ha il coraggio di dire la verita’?Che tristezza…. il mondo del vino italiano e’ purtroppo in mano a questi ipocriti, pronti a vendersi per una pubblicita’ o per una pseudoconsulenza.Grazie a Dio esistono ancora grandi produttori che schifano questo sistema.

  2. Come sempre si perde di vista un elemento fondamentale che fa perdere senso a classifiche come questa: il prezzo! Se un Redigaffi sfiora i 200 euro, il Masseto i 350 euro da un lato, e dall’altro il Gewurztraminer Brenntal (eccezionale) arriva a 30-35 euro, si capisce che non sono nemmeno paragonabili.
    Mettiamo un vino X, che valutiamo ottimo, anzi, eccezionale! Ma Vale i soldi spesi oggettivamente?
    E poi, i migliori 50 tra quali? Hanno degustato forse tutti i vini italiani, incluso ad esempio un Montefalco Sagrantino Il Gheppio o un supertuscan Il Tarabuso di Terre del Marchesato?

  3. Tutta una farsa! Ho assaporato vini da 500 euro che non ne valevano nemmeno 5 ,nelle migliori enoteche e’ tutta una sofisticazione!!!!! Il vino buono restera’ sempre quello del nonno .

  4. Sicuramente fra questi 50 nomi c’ è ” anche ” qualche bona bottiglia , ma questi sommellier che ci piantano su la loro vita , fortuna economica , destino di figli , vacanze della gnocca che si sono messi vicino o che mantengono di nascosto sono non credibili , per non dire altro !
    Non c’ è nemmeno un vino friulano in classifica ! Ma ha mai assaggiato il nostro eroe i vini di Miani ? Mi sa che non lo farebbe neanche entrare in cantina !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.