Lezioni di miele. Asfodelo e ailanto, cioè armonia dagli opposti

miele

A Lezioni di miele continuano a piacerci le contrapposizioni, i cambi intensi di gradazione, di sapore e di aroma. Come ho detto più volte, il mondo del miele è poliedrico, multiforme e bisogna saperne scovare e conoscere tutte le increspature e le pieghe, meno evidenti ad un primo sguardo.

E’ per questo che questa settimana accostiamo due mieli molto diversi tra loro: il miele di asfodelo e il miele di ailanto, frutto del nettare di due ‘piante’, a loro modo, molto tenaci e selvagge. Un carattere che resterà ben impresso in questi due mieli, sebbene si manifesti in aromi e in note di sapore molto differenti tra loro.

asfodelo

Regale e fiero con il suo grappolo di fiori che s’innalzano dallo stelo, l’asfodelo costituisce un nettare molto prelibato per le api, soprattutto nei pascoli o nelle zone incolte delle regioni mediterranee (in modo particolare in Sardegna) dove il suo bulbo sopravvive persino agli incendi estivi. E da un fiore tanto elegante non può che provenire un miele morbido, delicato, dalla cristallizzazione regolare e i colori tenui e brillanti, con una persistenza breve e una buona dolcezza. Da impiegare per la dolcificazione di tisane o in preparazioni nella quali non si vuole alterare il sapore degli altri ingredienti.

albero ailanto

L’ailanto o anche detto “albero del paradiso”, è invece una pianta infestante molto comune in varie regioni italiane. La sua crescita può raggiungere altezze assai significative (da qui l’idea del suo legame con il cielo) e come tutti gli infestanti è un albero tenace e testardo. Lo è pure il suo miele, dalle tinte decise e i sapori pungenti, estremamente floreale e vegetale, si sposa bene con l’acidità di formaggi freschi. E’ un miele che non lascia indecisi ma in grado di piacere anche ai consumatori più esigenti.

Come sempre, ecco quattro mieli che dovete assolutamente provare.

1. Miele di asfodelo Apicoltura Serra

apicolutra serra

Regione di produzione: Sardegna

Paolo Serra, apicultore in Terralba, è una garanzia dell’apicoltura sarda. Dagli apiari situati sui monti del Gennargentu tra i 1000 e i 1400 metri di altezza, proviene questo magnifico miele di asfodelo dalla cristallizzazione molto regolare e morbida e una bella tinta gialla con un sottofondo più freddo, quasi bianco. Al naso resta morbidissimo (appena percepibile), in bocca la sua dolcezza accompagna note molto floreali. Un miele che conferma la grandissima vocazione apistica di una terra come la Sardegna.

Riconoscimenti: Tre Gocce d’Oro – Grandi Mieli d’Italia 2015

Apicoltura Paolo Serra. Terralba (Oristano). Tel.  0783/096968

2. Miele di asfodelo Apicoltura Giorgio Saba

apicoltura giorgio saba

Regione di produzione: Sardegna

La vocazione regionale dell’azienda Apistica di Giorgio Saba è ben chiara fin dal suo nome. E ancora dalla'”isola di miele” ci arriva questo asfodelo dalle tonalità brillanti, una cristallizzazione regolare e molto delicato al naso delicato come ogni asfodelo che si rispetti. In bocca presenta una bella dolcezza e delle note ampiamente fruttate, con nota lievemente acidula sul finale che gli conferisce una personalità molto spiccata. Per gli amanti di questo genere di miele, ecco un altro nome che dovete appuntare!

Riconoscimenti: Una Goccia d’oro – Grandi Mieli d’Italia 2015

Az. Apistica Giorgio Saba. Vico III Nazionale n°14. Località Reinatzu S.S. 196. Gonnosfanadiga (VS) Telefono: 349 4912981

3. Miele di ailanto Apicoltura Allodi

apicoltura Allodi

Regione di produzione: Emilia Romagna

Le piccole realtà sono ciò che rendono stupenda l’apicoltura italiana. E l’apicoltura Allodi – un mix di passione tra padre e figlio entrambi apicultori – è una di queste. Lo si capisce subito quando si ha a che fare con i loro mieli. Prodotto in quantità molto ridotte, questo miele di ailanto si presenta una bella complessità floreale che ne smorza alcune insorgenze solitamente più robuste e lo rende un miele dall’ampia piacevolezza. Molto bello anche il packaging e il design grafico dell’azienda (quello nella foto è solo un piccolo campione non etichettato).

Apicoltura Allodi. Guardanavona 45, Cavriago (RE). tel. 346/9664012

4. Apicoltura Mario Rubini

apicoltura Mario Rubini

Regione di produzione: Abruzzo

Se cercate un miele di ailanto di classe, con i tratti intensi e robusti che questo miele sa sfoggiare, lo avete trovato. Mario Rubini, apicoltore in Castiglione Messer Raimondo, produce questo ailanto nelle zone adiacenti al Parco nazionale del Gran Sasso. Il primo impatto al naso e in bocca è un’ampia speziatura, che evolve poi verso note fruttate (frutti esotici, anzitutto), con note più vegetali che persistono fino alla fine. Un miele che si sposa benissimo con l’acidità di un formaggio caprino della zona (fresco o di media stagionatura).

Apicoltura Mario Rubini. Contrada Gattopio. Castiglione Messer Raimondo (Teramo). Tel. 333.7027000 

Lezioni di miele

Miele.millefiori

Per chi avesse perso le scorse puntate:

  1. Le 6 regole base per sceglierlo buono
  2. Il castagno migliore in 6 magnifici indirizzi
  3. Tre panettoni perché il Natale sia ancora più dolce
  4. Il migliore per 8 irrinunciabili dolci di Natale
  5. 5 varietà rare di miele da abbinare ai formaggi
  6. 6 mieli all’eucalipto che non sono solo rimedi contro raffreddore e tosse
  7. Gli 11 migliori mieli di acacia d’Italia
  8. 5 mieli per innamorarsi della melata
  9. Tarassaco e tiglio, due mieli per intenditori
  10. 11 millefiori imperdibili 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.