Esselunga. Attenti ai “napoletani”, avviso che sa di razzismo a tacere che alla cassa può stare solo una donna

“Quando si presentano i famosi “napoletani” (scritto tra virgolette) alla vostra cassa e vi chiedono di passare un prodotto come campione dei colli chiusi che hanno nel carrello, dite loro di mettere tutti i colli del loro carrello sul rullo, poiché in molti negozi sono riusciti a comporre i colli con vini costosi e far battere alla cassiera la bottiglia che costa meno. Se si rifiutano di mettere la loro spesa sul rullo siete autorizzati a non battere la loro spesa e chiamare un responsabile”.

Il cartello è un avviso a tutti gli operatori di cassa della Esselunga di via Feltre a Milano affisso in una zona riservata agli addetti ai lavori spesso agli onori della cronaca gastronomica perché è una possibile alternativa agli scaffali di Eataly e per le decisioni testamentarie del fondatore Bernardo Caprotti.

Ma come potete immaginare, la foto del cartello pubblicata da Napoli Today e rilanciata su Facebook dal consigliere dei Verdi in Campania, Francesco Emilio Borrelli, ha scatenato un putiferio.

La logica di salvaguardare il punto vendita dai furti organizzati con un meccanismo truffaldino è andato oltre le righe a causa di un solerte dipendente che ha pensato bene di geolocalizzare i possibili o presunti autori dei furti individuandoli nei famosi “napoletani” con tanto di virgolette che creano piuttosto l’equivalenza con truffatori già noti alle cronache che usavano questo sistema.

È razzismo, ha spiegato Borrelli in un lungo post in cui non ha perso l’occasione per lanciarsi contro il comizio dell’esponente della Lega Nord Matteo Salvini e per chiedere il risarcimento economico dell’offesa da devolvere alle associazioni che sono impegnate contro le discriminazioni.

“Non siamo di fronte a sfottò o cose del genere, ma a vere e proprie offese che alimentano i pregiudizi e gli stereotipi di cui siamo vittime da anni e siamo stanchi di continuare a subire e di essere anche presi in giro da gente come Salvini che dopo aver cantato che puzziamo viene a Napoli per prendere qualche voto, approfittando della disponibilità di qualche politicante della peggiore Destra” ha aggiunto Borrelli per il quale “chi scrive cartelli del genere compie reati e dovrà pagarne le conseguenze penali e civili e il risarcimento economico che riusciremo a ottenere lo utilizzeremo per aiutare le associazioni impegnate contro le discriminazioni”.
“Questo cartello rafforza ancor di più la nostra convinzione a stare in piazza contro Salvini e tutti i razzisti come lui che ogni giorno infangano i napoletani e i meridionali che sono stati depredati dalle politiche dei leghisti” ha concluso Borrelli per il quale “le precisazioni dell’ufficio stampa di Esselunga che attribuiscono a un singolo dipendente la decisione di affiggere quel cartello appaiono prive di fondamento perché ci pare strano che sia opera di una sola persona e se anche lo fosse perché nessuno, a cominciare dal direttore del supermercato, non l’ha tolto immediatamente?”

Sulla pagina Facebook del punto vendita di via Feltre c’è una risposta, probabilmente suggerita dal reparto Comunicazione dell’azienda, a un commentatore che risponde in un post promozionale che regala una vettura.

“Buonasera Angelo, siamo sinceramente rammaricati per quanto accaduto. Ci dissociamo completamente da questa grave azione, avvenuta in uno specifico negozio Esselunga su iniziativa di un singolo dipendente, immediatamente sospeso dal servizio”.

Il responsabile del gesto, un singolo dipendente, spiegano da Esselunga è già stato sospeso dal servizio.

Peccato che nessuno si è accorto che il lavoro alla cassa può essere svolto solo da una cassiera.

Non male una doppia discriminazione in poche righe di un avviso di servizio.

[Link: Corriere, Mattino, Il Fatto Quotidiano. Immagini: Facebook, Retrò Online, Diario di una Pensatrice]



10 commenti su “Esselunga. Attenti ai “napoletani”, avviso che sa di razzismo a tacere che alla cassa può stare solo una donna

  1. Ma se nella fattispecie il trucchetto è stato messo in atto altre volte da persone napoletane io non vedo gli estremi del razzismo.
    Dicendo che i rabbini chiedono sempre lo sconto ( esperienza personale) non credo di dire nulla di razzista.

    • Napoletano è inteso come sinonimo di truffatore nelle intenzioni di chi ha scritto l avviso, non perché la cosa è stata fatta necessariamente da napoletani veri e propri…una cosa vergognosa e non mi meraviglierei se l autore fosse un calabrese, siciliano o pugliese…che schifo sto paese

  2. “…e non mi meraviglierei se l autore fosse un calabrese, siciliano o pugliese” (Marco)
    Marco nel correggere Saro cade, anche lui, nel pregiudizio(che non è, comunque, razziale 🙂
    Anche Saro quando, nella seconda parte del commento, scrive: “Dicendo che i rabbini chiedono sempre lo sconto ( esperienza personale) non credo di dire nulla di razzista” cade nel pregiudizio forse non proprio razziale ma molto pesante perché è coinvolto un popolo che è stato sterminato dall’ODIO RAZZIALE NAZIFASCISTA(che affondava le radici in pregiudizi gravissimi molto diffusi nella popolazione tedesca e italiana).

    E se io pensassi che Saro sia un fascista per aver espresso quel pensiero cadrei nel pregiudizio.

    Ritornando alla disputa tra Saro e Marco le due opinioni della sgradevole vicenda sono entrambe legittime se si parte non dalla medesima interpretazione dei fatti(cioè se veramente nella zona operavano dei napoletani veri(come dice Saro) o, come dice Marco, napoletani è stato usato come sinonimo di truffatore).

    Vorrei aggiungere altre considerazioni:
    1 Tutti abbiamo, chi più chi meno, degli stereotipi e pregiudizi su diversi aspetti della vita sociale. Fa parte della natura umana.
    2 Benché il mondo vada omologandosi esistono ancora differenze regionali e locali in Italia e esistono, sia pure in maniera più attenuata rispetto al passato, degli stereotopi e dei pregiudizi tra regioni diverse, tra città della stessa regione e tra paesi della stessa provincia…sia al Sud che al Centro che al Nord.
    E, riprendendo il pensiero di Marco da me criticato(“…e non mi meraviglierei se l’autore fosse un calabrese, siciliano o pugliese”), da meridionale posso dire che esistono degli stereotipi tra abitanti di regioni diverse e di province diverse della stessa regione. Ma non c’è nulla di razziale.

    3 E, ora scherzando un po, sapremmo riconoscere un o una food blogger napoletano/a che, salendo da Napoli, andasse a recensire una delle pizzerie napoletane di Milano?(Sorbillo ecc…)
    Se sì…saremmo caduti in una nuova specie di PREGIUDIZIO verso i NAPOLETANI? 🙂

    • Sono d accordo con te Antonio…io sono calabrese e sento spesso parlare i miei conterranei in termini dispregiativi nei confronti dei napoletani, così come sento i napoletani utilizzare il termine “calabrese” in un modo discriminatorio…ma questi modi discutibili anche tra noi del sud, nascono da stereotipi dei settentrionali nei nostri confronti,che abbiamo acquisito dopo la “colonizzazione” che tutti chiamano risorgimento…e quindi da allora è nata questo pessimo modo di fare nel quale il calabrese discrimina il napoletano, il napoletano discrimina il siciliano ecc.. quasi si volesse fare a gara nell essere meno meridionali…mi arrabbio quando sento persone del sud di diverse regioni insultarsi; mi lascia indifferente se l insulto arriva da un settentrionale, visto la scarsa stima che ho nei loro confronti. Inoltre invito tutti i meridionali a fare attenzione nell usare la parola “napoletano” perché questo termine originariamente indicava tutti gli abitanti del regno di Napoli non solo gli abitanti di Napoli città…comunque w il sud tutto e w Napoli

      • Associare “napoletano” a truffatore = Razzismo
        Associare “Persona del nord” a persona non degna di stima = ?
        Illuminismo?, Neo-Borbonimismo? Ma perchè non chiedete l’indipendenza visto che vi ritenete colonizzati? L’ha fatto l’India dalla Gran Bretagna, le Nazioni del Nord Africa dalla Francia, un Calabrexit e via che tornate ai fasti del passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.