Pizza. Fritta della Masardona o al forno di Iervolino ma sempre e comunque con le bollicine

La pizza fritta tira alla grande, meglio delle patatine, il trend di qualche anno fa.

Al terzo giorno di Vinitaly, i profumi della frittura hanno la meglio sui fumi dell’alcol che regnano incontrastati su tutto il territorio di Verona Fiere.

C’è la pizza fritta di Enzo e Cristiano Piccirillo della Masardona, la pizzeria che fa faville sia se è in trasferta a Roma sia se si allarga al gluten free, che hanno portato a Verona la loro versione più goduriosa con ricotta di bufala, cicoli e provola affumicata.

Porzioni piccole, “battilocchio”, che invogliano a mangiarne altre.

I segreti per la pizza fritta perfetta, dice Cristiano Piccirillo, sono pochi: pasta ben lievitata, ingredienti di qualità, frittura veloce nell’olio caldo.

Nulla di quello che non si sapesse già, eppure hanno una marcia in più.

Sull’abbinamento nessun dubbio: bollicine tutta la vita, parola di Enzo.

E la pizza classica al forno?

Gianfranco Iervolino ha portato a Vinitaly una tartufata, con mozzarella, tartufo nero, salsiccia e pomodorini canditi.

Sembra complessa, ma in realtà è semplice, di facile approccio e ottimo impatto.

Abbinata ad un blanc de noir, diventa un pasto praticamente di lusso.

E voi cosa preferite: fritta o al forno?



mercoledì, 12 aprile 2017 | ore 10:55

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.