Milano. Pizzeria Assaje, perché la pizza canotto all’Isola ci piace molto

Seguendo i consigli di un affezionato lettore – quasi una ramanzina – sono andato a provare la pizzeria Assaje e la pizza di Antonio Tammaro nel suo nuovo locale aperto (a mia insaputa) all’inizio dell’anno in piazzale Segrino, ai margini dell’Isola (dove c’è anche Berberè).

Era nei miei elenchi di posti da assaggiare – con Giuseppe Vesi, peraltro, aperta da qualche settimana: ma non ce l’avevo ancora fatta.

Allora: siamo andati verso le 22.30, locale pieno, un po’ di gente fuori ancora in attesa. Molto rumore. Servizio amichevole. Una colonna centrale circondata da dolci e frutta (che però non ho provato). In fondo, il forno a destra, la camera di lievitazione a sinistra, con grandi timer a indicare i tempi di lievitazione come già in uso da Rossopomodoro.

Il menù inizia con una serie di sfiziosità, comprensive di fritti, mozzarella di bufala, parmigiana: ma noi puntiamo subito sulle pizze, presentate sotto le etichette Pizze Tradizionali (da 7 a 10 €), Pizze Contemporanee (10 €), Pizze Gourmet (15 €), Pizze Fritte (10 €) e Pizza Chocolate (12 €) –su quest’ultima non ho avuto il coraggio di approfondire.

Tre pizze diverse: Margherita, Salsiccia e Friarielli, Integrale ai 3 Pomodorini. Due tradizionali, la terza gourmet.

La margherita ha il suo bel cornicione, i suoi buoni ingredienti – pomodoro San Marzano dop, fior di latte di Agerola, Parmigiano Reggiano, olio evo, basilico: bell’aspetto, cottura giusta, l’insieme decisamente buono – opps: buono assaje.

L’integrale ai tre pomodorini – è una delle pizze “contemporanee”.

Impasto di farina integrale, mozzarella di bufala campana dop, pomodorini gialli del Vesuvio, pomodorini del piennolo, pomodorini di Corbara, Parmigiano Reggiano 36 mesi, olio evo integrale e basilico – mi è piaciuta molt… anzi, assaje assaje.

Senza dubbio per i tre pomodorini, che sono una variante piacevole al pomodoro ‘semplice’: ma anche per l’impasto, soffice e leggero, in cui si sente bene che è integrale, ma senza esagerare. Una cottura appena prolungata avrebbe giovato al risultato finale (su questo hanno concordato i miei commensali, notoriamente diciamo molto attenti: forse devo iniziare a preoccuparmi…).

La pizza salsiccia e friarielli è ovviamente una pizza “Tradizionale”: provola di Agerola affumicata in paglia, salsiccia di maiale casertano, friarielli, parmigiano reggiano e olio evo. Buona: forse che mettere i friarielli, e la salsiccia, su un buon impasto, e cuocere bene il tutto e portarlo in tavola, può dare risultati diversi? Potrebbe, certo: qui no.

Alla fine, bottigline di liquorini sul tavolo – melone, limoncello e non-mi-ricordo-più (pistacchio?): non mi sono piaciuti in modo particolare, ma ovviamente ho fatto la mia parte per contribuire a smaltirle.

Pizzeria Assaje. Piazzale Segrino. Milano. Tel. +39 02606456.

[Immagini: iPhone Emanuele Bonati]



venerdì, 28 luglio 2017 | ore 12:39

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.