Sicilia. L’arancino al cioccolato di Modica che non avete mai assaggiato

Da secoli, il dominio dell’arancina come cibo di strada – probabilmente uno dei primi – è indiscusso.

Ma la vera rivoluzione copernicana avviene quando, in occasione della prima edizione di Choco Barocco, manifestazione modicana dedicata interamente al cioccolato, il giovane proprietario del bar Ciokcafé, folgorato sulla via di Damasco, inventa una novità assoluta: l’arancino al cioccolato. 

Ed ecco che l’arancina, così come la conoscevamo fino a quel momento, scompare per lasciare il posto ad una delizia di riso croccante dal cuore di cioccolato fondente, da mangiare preferibilmente calda. Ma il proprietario è un pasticcere creativo che, non pago della sua geniale invenzione, continua ad inventarne una più del diavolo.

Così, con la sua macchina per il cioccolato nuova di zecca e fresca di collaudo (l’ha collaudata davanti ai miei occhi: v. foto), sforna cioccolato modicano “a tinchitè”(*). Ben 130 gusti, dai più tradizionali ai più impensabili: dal basilico al ricotta e pera, dall’alga Nori allo Zibibbo, dalla rosa al miele, e via elencando, battendo ogni record numerico.

L’offerta di Ciokcafé non si ferma qui. Alla pasticceria e alla gelateria, che propone gusti più tradizionali, è affiancata una produzione di rosticceria tipica modicana: dalle arancine alle scacce, dai pasticci alle impanate (calzoni al forno dal nome di origine spagnola, ripieni di baccalà, agnello, formaggio e verdure).

Una cosa è certa: se assaggerete l’arancina al cioccolato, ci tornerete sicuramente.

Prezzi: 1,50 € per le tavolette di cioccolata da gr. 50; 2 € per l’arancina al cioccolato.

(*) tinchitè, dal vocabolario siciliano-italiano di Andrea Camilleri: in abbondanza.

Ciok Café. Corso Umberto I, 110. Modica (Ragusa). Tel. +39 0932 943736



lunedì, 31 luglio 2017 | ore 16:39

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.