Alberto Rinaudo l’ho conosciuto in una delle scorribande gastronomiche della Capitale a partire dal Glass di Cristina Bowerman e Fabio Spada. Poi sul web ho iniziato a visitare il suo sito di pasticciere pasticcione. E soprattutto a leggere i suoi commenti su FB che lo vede fondatore del Fan club L’Arcangelo dedicato al Caravaggio della carbonara. Ecco cosa dice di se stesso 🙂 V.P.

alberto-rinaudo-gourmet

Romano, romanista e vespista, capisce sin da piccolo di essere anormale indovinando la marca dei gianduiotti facendo degustazioni alla cieca di fronte a genitori e parenti.
Si alimenta pressochè quotidianamente con mozzarella di bufala e prosciutto, oltre al resto, ovviamente, non avendo ancora analisi del sangue che lo penalizzano.
Rimasto folgorato all’inizio dei lontani anni 90 da una cena a La Barbacane dell’Hôtel de la Cité di Carcassonne, capisce che la sua vita sarà migliore se si dedicherà con passione e amore al cibo ed all’osservazione del mondo della ristorazione.
Comincia così una lenta deriva che lo porta a organizzare vacanza basandosi solo sui ristoranti di zona ed a conoscere la propria città in base ad una mappa mentale costruita su ristoranti, pizze a taglio e financo fontanelle dove dissetarsi.
Onorato dell’amicizia e della conoscenza di grandi chef e foodies, si diletta a tempo perso a fare il commercialista, quando i lavori da illustratore e da gourmet gli lasciano tempo.

(P.S. Se non sapete chi sono le ragazze di Ostia, sappiate che firmano autografi e sono state intervistate un’altra volta da Sky Tg24 che le aveva “lanciate”. V.P.)

5 Commenti

  1. Non lo volevo dire ma una delle due ragazze (quella della capoccia e la doccetta) parla come il nostro grande Lorenzo Linguini nazionale!!!

    Con contenuti molto diversi, dicevo solo il timbro di voce eh!!!
    :-)))

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui