Gastro-regali di Natale. Fate il “pacco” alla camorra!

Tempo di lettura: 1 minuto

Fate “il pacco” alla camorra. Come? Regalando, per Natale, cesti con i prodotti coltivati nelle terra sottratte alla criminalità organizzata. L’idea è di Libera di Caserta ed è stata lanciata dal Nuovo Commercio Organizzato, un progetto di rete che coinvolge le cooperative sociali che coltivano e trasformano i prodotti delle “Terre di don Peppe Diana”, confiscate alla camorra.

148869_1570351791411_1613993304_1350058_6322593_n

Fare il pacco, cioè mettere all’angolo, farsi beffe della camorra. Ecco un modo davvero alternativo di fare qualche regalo di Natale. Dentro il pacco vero ci sono confetture, biscotti, pasta, cioccolato, sott’oli, ortaggi più un dvd con immagini del lavoro dei volontari. Ci sono broccoli, peperoncini e la marmellata di pesche di Casal di Principe, le melanzane e la zucca grigliata sott’olio di Sessa Aurunca, i paccheri di Don Peppe, fatti con grano prodotto sui terreni confiscati di Castel Volturno. E ci sono anche libri, come Ragazzi della terra di nessuno di Gianni Solino e tanti altri. Per chi ama regalare libri, c’è il cesto letterario, con i libri da selezionare nell’assortimento di “Investiamo in cultura”.

Per informazioni, contattate info@lameridiana.it. oppure consultate la pagina di Facebook di Nuovo Commercio Organizzato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui