Food porn. Quella volta che la troupe mangiò caviale sul corpo di Monica Bellucci

Tempo di lettura: 1 minuto

“Un gran personaggio, preso di spalle”. Così Fabrizio Ferri, notissimo fotografo di moda e di donne in deshabillé, descrive, da New York, Monica Bellucci in quella memorabile foto di Pantelleria realizzata per il calendario di Max.

Il racconto lo trovate in una video intervista rilanciata da Fabrizio Ferri a Giuseppe Di Piazza su Corriere Tv nella quale il fotografo racconta la genesi dello scatto, con l’attrice che imitandolo si sporge nuda su una balaustra “per guardare il panorama” e diventa… panorama.

Il supplemento d’ironia arriva dall’intervistatore che rincara la dose con la celebre frase di Totò: “quella faccia non mi è nuova” e via subito all’altro episodio conturbante: la volta che la Bellucci accettò senza battere ciglio di farsi cospargere di caviale, con il fotografo, il parrucchiere, gli assistenti “e anche lei, a quattro ganasce” che mangiano con le dita la prelibatezza colante. Altro che body sushi.

Nasce così un altro scatto famoso, pronto a bucare il video, che diventa una copertina di Esquire. La prova provata che il food porn esiste.

Il resto è musica, con il racconto di Sting che, di ritorno dall’India, davanti agli occhi del fotografo crea “A Thousand Years“.

Molto meno food porn, semplicemente porn.

[Link: corriere.it Immagine: Fabrizio Ferri]

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui