Isabella Potì ha fatto discutere.

O meglio ha fatto discutere la foto di un suo dolce, la panna cotta di pecora e ananas laccato, che è stata criticata dalla collega Lorella Fanella.

La domanda ricorrente sui social è stata: può una pasticciera criticare un’altra pasticciera? E farlo partendo da una ricetta letta e non da un dolce assaggiato? Le risposte per noi sono banalmente sì, lo può fare, no, dovrebbe assaggiare.

Discussioni che sono arrivate fino al tema quote rosa: mai due pasticcieri avrebbero dato vita a uno scontro del genere.

Infatti, casomai lo avrebbero fatto due chef

Comunque, i dolci di Isabella Potì del ristorante stella Michelin Bro’s di Lecce sono spesso apparsi in una veste essenziale, spartana. Almeno quelli di cui si è vista circolare la ricetta.

Lo abbiamo visto anche con la ricetta del soufflè al cioccolato.

Proprio come questa tarte al limone che Isabella Potì aveva preparato per un abbinamento con il Valdobbiadene DOCG Extra Dry di Col Vetoraz.

La ricetta della tarte al limone di Isabella Potì

Ingredienti per la base tarte

1 kg di farina 00
67 g di fecola patate
730 g di burro
4 uova
200 g di zucchero

Procedimento

Amalgamare il burro con lo zucchero; aggiungere poi, poco alla volta, le uova e successivamente la farina e la fecola.

Cuocere per 11 minuti coi pesetti e altri 8 senza.

Ingredienti per la crema limone

95 g di succo limone
125 g di zucchero
90 g di uova
7 g di zest limone
5 g di origano selvatico
175 g di burro

Procedimento

Portare a 65°C succo, zucchero, uova, zest e origano; aggiungere infine, il burro. Bisognerà poi filtrare il tutto.

Ingredienti per il gelato al latte di pecora

150 g di panna
1,5 l di latte di pecora
150 g di zucchero
35 g di zucchero invertito
30 g di latte in polvere

Procedimento

Mixare tutti gli ingredienti e portare a 84°C. Colare, congelare in bicchieri per pacojet e passare al momento del servizio.