Vi ricordate quelle vecchie botteghe piene di tessuti che contornavano Largo di Torre Argentina a Roma?

Uno di quei locali è stato trasformato in Mercerie da Igles Corelli, volto noto della cucina italiana, che nella sua lunga carriera è stato insignito di ben 5 stelle Michelin.

Così Mercerie da negozio di tessuti è diventato un concept di ristorazione che introduce la cucina stellata nel catering e nello street food.

Mercerie è un progetto di High Street Food molto ampio che si sviluppa in tre settori: catering per grandi eventi, manifestazioni sportive, feste private, locali (con aperture in diverse città e località turistiche italiane) e linea di produzione propria distribuita in esercizi e locali selezionati.

L’idea è proporre la qualità dei piatti stellati in piccoli assaggi che rendano accessibile a tutti un percorso di alta cucina. Così sono nate le oramai famose praline, lasagnette e bottoni, ricette della tradizione culinaria, ideali per l’asporto, per uno spuntino durante una passeggiata a Roma o da mangiare direttamente nel locale, composto da due piccole salette arredate con gusto e sobrietà.

Di fronte all’ingresso troverete un banco bar circolare, dove fermarsi per gustare un cocktail creativo e studiare il menu che ora si arricchisce di una serie di piatti gourmet, tra  antipasti, primi, secondi e  dolci, anche grazie l’arrivo di Viviana Marrocoli, la nuova executive chef di Mercerie.

Naturalmente, abbiamo iniziato dai bocconi.

Le lasagnette, una al nero di seppia ripiena di baccalà mantecato (4 pezzi 11 €), un’altra una cacio e pepe, cremosa (4 pezzi 9,50 €).

Personalmente mi sono divertita a mangiare con le mani le lasagne, cosa impensabile prima d’ora.

Poi sono arrivate le praline: una allo scoglio, con cozze, patate e limone (4 pezzi 8,50 €), e l’altra di ceci con rosmarino e zenzero (4 pezzi 8 €).

Passati agli antipasti, ho sgranocchiato un carciofo in tre cotture (a ultrasuoni, fritto e a bassa temperatura): uno spasso per gli amanti di carciofi (15 €).

Il cannolo di seppia con spuma di robiola di capra, delicato, ma rafforzato dall’insalata di spinaci (16 €).

Sfiziosa la sezione le paste e i risotti: il tortello di branzino, servito con guazzetto di frutti di mare e profumo di zenzero (16 €).

Fresco il risotto con la carbonara di asparagi, se non è la stagione giusta questa!..(15 €).

Tra i secondi spicca il carrè di maialino cotto nel burro di cacao con caffè, servito con una fialetta finale con una miscela di pimms, acqua tonica e caffè per pulire a bocca, strano, ma divertente (20 €).

Infine il dolce: una catalana glassata al cioccolato bianco, ananas grigliata, spugna al bergamotto, sorbetto di arancia e zenzero (12 €).

E voi cosa preferite: sedervi per mangiare o portare via un po’ di sfizi per goderveli a passeggio?

Mercerie. Via San Nicola de Cesarini, 4/5, Largo Argentina. Roma. Tel. + 39 347 9714949