Riapriamo presto.

Gino Sorbillo lo aveva detto subito con un cartello nella notte in cui è esplosa la bomba davanti alla pizzeria in via Tribunali, nel centro storico di Napoli, ed è stato di parola.

Si ricomincia lunedì 21 gennaio a mezzogiorno con la riapertura della pizzeria Sorbillo a Napoli.

Lo aveva ribadito anche ieri in occasione dell’incontro privato con il Ministro dell’Interno cui ha chiesto maggiore attenzione allo stato dei luoghi nei vicoli del ventre della città.

Terminati a tempo di record i lavori di sistemazione della pizzeria danneggiata dall’ordigno, Gino Sorbillo e suo fratello Toto hanno diffuso il messaggio immediatamente.

Ora la palla passa a Toto Sorbillo che ha già messo in movimento la squadra impasti. Si riparte da zero e la domenica sarà impegnata nella produzione dei panetti con farina biologica secondo la ricetta elaborata in casa Sorbillo.

Ecco il messaggio affidato da Gino Sorbillo ai canali social.

Nonostante la bomba….da adesso in meno di 48 ore riapro la Pizzeria. Nonostante le cattiverie, la gelosia e la violenza ancora una volta trovo la forza di rialzarmi per dare un segnale forte a tutto il settore commerciale e sociale di forza e determinazione. Non mi piango addosso, sono demoralizzato e perplesso ma non perdo la fiducia verso le istituzioni e le forze dell’ordine che amo. È stata questa un’altra esperienza di vita, forse avete un po’ bisogno di me, attraverso me trovate la forza e lo stimolo, anche io ho bisogno di voi… Restiamo uniti, facciamo rete, confrontiamoci, denunciamo! Solo così possiamo farcela. Un abbraccio a tutti di cuore. Gino Sorbillo ❤️🍕💯Viva Napoli !