La prima edizione della Milano Wine Week si svolgerà dal 7 al 14 ottobre. La manifestazione (realizzata con Epam-Fipe e con Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza) si annuncia molto innovativa, potremmo dire epocale.

La settimana del vino avrà il suo cuore pulsante a Palazzo Bovara, in corso Venezia, sede di “Casa MWW”, dove si alterneranno eventi serali, degustazioni, masterclass, workshop, verticali e presentazioni.

Ma l’evento sarà distribuito in una serie di Wine Districts, ovvero Navigli, Tortona, Arco della Pace, Brera, Isola, un po’ come già accade con i distretti del FuoriSalone della Design Week.

Quartieri tematici dedicati, come a Brera, Solferino e Garibaldi con la Franciacorta, o a Porta Romana con il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese e il Distretto Produttori di Qualità dell’Oltrepò Pavese. Degustazioni, menu speciali e diverse attività per la promozione di vini e non solo, grazie al coinvolgimento di UEVLA, l’associazione di Confcommercio che riunisce le principali enoteche milanesi.

E anche Eataly, La Rinascente e SignorVino faranno la loro parte.

Qualcosa di simile ad un grande FuoriSalone.

Seguiteci nei 10 appuntamenti imperdibili.

10 eventi da non perdere alla Milano Wine Week

Si parte già il giorno prima, sabato 6 ottobre alle ore 17, con un brindisi che si preannuncia da Guinness dei Primati, in collaborazione con le bollicine delle aziende aderenti all’Istituto Trentodoc, presso il City Life Shopping District.

2. La settima edizione di Bottiglie Aperte, si tiene nella nuova e più grande sede del SuperstudioPiù in via Tortona allestita da Aquilialberg Architects con oltre 200 aziende. L’appuntamento è ogni giorno dalle 11 alle 19,30.

3. Lunedì 8, alle ore 11.00, a Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana, talk sul mondo del vino con i più importanti esponenti del settore per definire il futuro del mondo vinicolo italiano.

4. Martedì 9 ottobre sarà la giornata dedicata alla prima edizione del Wine Business Forum, un appuntamento che coinvolgerà 100 “opinion leader” del settore vinicolo italiano (produttori, manager, divulgatori ecc.) chiamati a condividere le loro idee in cinque tavoli di discussione. Al primo piano di Palazzo Bovara, dalle 10 alle 13.

5. La mattinata di mercoledì 10 (Cortile di Palazzo Bovara, dalle 10 alle 12) sarà caratterizzata dal convegno realizzato da ALMA – Scuola Internazionale di Cucina Italiana e dedicato al futuro delle professioni di sala.

6. Giovedì 11,  dalle 15 alle 20, sarà protagonista assoluto il Franciacorta con l’edizione milanese del Festival Franciacorta che si terrà a Palazzo Bovara e al Brian & Barry Building di Piazza San Babila con una degustazione.

7. Sempre giovedì 11 ottobre, dalle 17 alle 19, a Palazzo Bovara, Francesca Negri – autrice del libro Vino prêt-à-porter – dialogherà con la giornalista di Vanity Fair Anna Mazzotti e con il sommelier Luca Amodeo sul bon-ton del vino e su tutto quello che avreste voluto chiedere sul vino e non avete mai avuto il coraggio di farlo. A seguire per tutti i partecipanti ci sarà l’occasione di degustare gratuitamente le grandi etichette di 10 cantine scelte dall’autrice: Ca’ del Bosco, Barone Pizzini, Bisol, Tenute Hoffstätter, Gualdo del Re, Endrizzi, Cantina di Soave, Cà Maiol, Kettmeir, Santa Margherita e Zao.

8. Venerdì 12 ci sarà l’evento Fermento della Fisar, che si terrà dalle 15.00 alle 21.00 nel cortile di Palazzo Bovara.

9. Sabato 13, (Palazzo Bovara, dalle 21) Luca Gardini, Daniele Cernilli e Luciano Ferraro guidano una degustazione dedicata ai vini italiani che hanno conquistato le prime posizioni nei “Best Italian Wine Awards”.

10. L’evento clou di domenica 14 sarà invece la presentazione della Guida di Doctor Wine all’Hotel Principe di Savoia, la premiazione (dalle 10 alle 13) e a seguire un percorso di degustazione (dalle 16 alle 20.30) che vedrà protagonisti oltre 100 tra i produttori selezionati dalla guida di Daniele Cernilli.

Insomma davvero tanti gli eventi pensati da Federico Gordini e dal comitato scientifico che lo supporta (Luciano Ferraro; Andrea Grignaffini; Daniele Cernilli; Pier Bergonzi; Luca Gardini; Gigi Brozzoni; Antonio Paolini).

Ideatore ormai nove anni fa della Milano Food Week e da sempre convinto dell’esigenza di creare a Milano un evento “differente” sul vino, un po’ sulla falsariga di quanto avviene nella città meneghina con il design e la moda.

Un cantiere aperto – ha detto Gordini durante il suo intervento in sede di presentazione. Praticamente una puntata “pilota”, un numero zero, contraddistinto però da oltre 100 eventi in diversi luoghi della città (oltre a quelli elencati, gallerie d’arte, showroom, poli commerciali).

A permettere ciò la presenza di grandi aziende, in qualità di “founding supporters”, come Ferrari, Zonin, Gruppo Santa Margherita, Berlucchi, Pasqua e Feudi di San Gregorio.

Sono pronto a scommettere che si andrà ben oltre il claim del capoluogo lombardo che “si tingerà di rosso, bianco e rosato” grazie a un’offerta molto variegata: dai piatti abbinati a vini al calice nei ristoranti fino a percorsi di degustazione guidata nei wine bar. Con le chicche come “Leggenda Borgogna” proposta da Enrico Bartolini nel suo ristorante presso il Mudec, la  “Verticale Sassicaia” al Trussardi alla Scala, oppure la cena esclusiva con verticale di Masseto all’Armani Hotel.

Ma sono sicuro che troverete il vostro vino preferito nelle pieghe del programma della Milano Wine Week.

Prosit!