Brunello amaro. Il Tenuta Nuova 2001

Vino

brunello-Tenuta-Nuova-2001-WS-bott“Obiettivamente e non perché adoro Giacomo, è un vino spaziale!”

Queste le prime parole pronunciate qualche sera fa da Roscioli davanti a una bottiglia di Tenuta Nuova 2001, il Brunello di Montalcino di Casanova di Neri che nel 2006 conquistò il primo posto – Wine of the year – nella famosa classifica annuale di Wine Spectator.

La bottiglia era felicissima, giovane e brillante. Naso complesso di frutti rossi, ciliegia in particolare con una bella e forte nota di grafite. In bocca armonico, di grande finezza e notevole struttura tannica. Lungo e preciso, scolpito, il finale. Un vino perfetto.

La vigna dove nasce questo capolavoro è molto bella, situata a sud di Montalcino, Giacomo Neri sostiene che questo conferisca al vino sapori mediterranei. In cantina la lavorazione è classica e lenta, fermentazione macerazione e affinamento in rovere durano 30 mesi.

vigneti-Casanova-di-Neri

Eppure non è piaciuto, anzi è andato di traverso a molti.

Colpisce che ancora oggi, a distanza di anni dai successi americani e dopo le polemiche successive alle (doverose) inchieste della Procura di Siena, Giacomo Neri e i suoi vini siano nell’occhio del ciclone additati come traditori della purezza e della tradizione.

Non abbiamo né l’intenzione né gli strumenti per dirimere le questioni legali aperte a Montalcino dalle inchieste, vale però la pena ricordare che Casanova di Neri fu una delle pochissime aziende di Montalcino a non imbottigliare nemmeno una goccia di Brunello 2002. Scelta obbligata per Giacomo vista la qualità irregolare della vendemmia, che nel suo caso assume un valore del tutto particolare proprio perché dopo i trionfi del 2006 restò un anno fermo al palo senza Brunello per soddisfare le richieste che gli arrivavano in cantina da tutto il mondo.

vinificazione

Azienda Agricola Casanova di Neri di Giacomo Neri. Località Casanova – Podere Fiesole. 53024 Montalcino (Siena). Tel. +39 0577 834455