Questa bottiglia di champagne Joseph Perrier Rosé è la prima annata prodotta da uve di chardonnay, pinot noir in prevalenza, e pinot meunier. Sboccatura dopo 7 anni di riposo sui lieviti. Il colore è vivace e brillante, quasi ciliegia. Naso fruttato, ma anche floreale intenso. Sa molto di viola e frutti rossi. Struttura piena e soddisfacente, bocca asciutta, lunga, armonica ed elegante, con un perlage perfetto. Acidità fresca, una delizia sul palato. Ci è piaciuto molto, è giovane ma sicuramente un grande champagne, in un’annata eccellente, la 2002. Ma questo si sa!

13 Commenti

  1. Interessante, a parte la bottiglia bruttina… Dove lo posso assaggiare? 😉 Per caso lo scorcio in foto è quello è di una famosa enoteca romana?

    p.s. secondo me questo a Black Mamba non piacerebbe molto… troppo femminino 🙂

    • ha risposto a volverina: Mannaggia Volverina! ti sei specializzato in toppe, ma com’è??? L’ho assaggiato io e non lavoro con loro manco di striscio! Ne’ ora ne’ in passato, tantomeno in programma per il futuro! Due toppe su due però è da considerarsi una sconfitta, non una semplice toppa. Vogliamo provarci con la terza così vediamo da vicino Caporetto? Dai la prossima settimana ti invito nuovamente a nozze! Occhio però perchè per sfidare a duello bisogna essere veri pistoleri e pertanto devi essere tu il primo l’inattaccabile, l’ineccepibile. Io lo sono con le mie schede… ci siamo capiti? Penso di sì, non sembri scemo!

  2. Ha un colore interessante. Sono curioso in verità perchè l’annata è buona e ogni tanto qualche rosè non mi dispiace. Quindi dove lo trovo? Milano per me è distante. Roma per favore!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui