La Birra Stavio del Colonna, allievo di Manuele, è la rivelazione 2012

La settimana dopo il salone del gusto di Torino, parlando anche con addetti ai lavori autorevoli, (non solo abusatori di alcol come il sottoscritto) è emerso che questa seconda metà del 2012 è all’insegna dei Beer Firm, cioè di quei produttori senza impianto, tipo i ministri senza portafoglio ma più simpatici.

Normalmente alle kermesse brassicole (Torino, Rimini o gli IBF) uno o due birrifici nuovi sono sulla bocca di tutti. Due anni fa era Lariano, l’anno scorso Brewfist e quest anno Retorto. Torino è stata invece una conferma e riconferma per i soliti, ma nessuno che abbia convinto, anzi.
Di controparte si fanno sentire personaggi che escono dall’homebrewing per tentare il salto nel mondo dei pro o che da mastri birrai sotto padrone iniziano il loro cammino da produttori indipendenti. Non hanno un budget iniziale per possedere un impianto proprio ma si appoggiano a terzi per produrre o far produrre le loro ricette. Buskers su tutti, ormai famoso e apprezzato.

Il 2012 vede anche la nascita delle birre di Ecsit Ventidodici di Daniele Polonio, ma secondo me la rivelazione dell’anno dei Maya è Stavio.
Dal loro blog: Luca Parisi (Ideatore, Amministratore, Caricatore, Trasportatore) detto “Colonna” per l’esperienza maturata al fianco del Ma Che Siete Venuti a Fà di Trastevere e Marco Meneghin (Ideatore, Mastro Birraio, Caricatore, Trasportatore) detto “Padre o “Marcio”.

BirraStavio è una cooperativa agricola nata nel 2011. Due conoscitori, seppur giovani, di birra artigianale, che hanno dato vita ad un progetto, ancora in fase di sviluppo e che ha come obiettivo la produzione di birra partendo dalla coltivazione di materie prime.

In fase sperimentale, luppolo e orzo distico sono stati già piantati in diversi terreni fino ad arrivare al controllo completo che garantisca massima qualità del prodotto finale.
In un anno, grazie alla collaborazione con altri birrifici italiani, BirraStavio ha prodotto 9 birre, tra cui Pils, Stout, Triple, American Pale Ale, Blonde, Golden Ale e Saison.

Io ho avuto l’occasione di assaggiare la Nantra, la loro golden ale da 4.5° con luppoli sia europei che americani spillata alla pompa, spettacolare! Nome azzeccatissimo, dopo la prima pinta chiami la cameriera o se sei al bancone chiedi direttamente “N’artra!” (Un’altra per chi abita non attiguo al Grande Raccordo Anulare).

E siccome con le temperature abbassate ripartono le grandi serate di degustazione, domenica 11 novembre si terrà al Birrifugio Trastevere la prima delle cene della stagione 2012/2013 proprio con ospite d’onore BirraStavio e Luca e Marco presenti. 4 portate e 4 birre (Nartra, Dirty Arrogant, Stupid Monkey e Critical): 30.00 €uri, solo su prenotazione.

Birrifugio Trastevere. Via Federico Rosazza, 6. Roma. Tel. + 39 06 58303189 Claudio Ragni 335 5623592
Enrico Martarelli 377 1079778.

Lunedì 19 novembre, invece, a Palestrina (Rm), presso Taberna, incontro con Valter Loverier di LoverBeer. Le sue birre vi incanteranno, vi affascineranno e saranno un bel banco di sfida nello scovare i giusti abbinamenti (si legge di lui nella Guida alle birre d’Italia 2013 di Slow Food: “Valter ha scelto la strada più difficile: fare solo birre speciali e specialissime, che hanno bisogno di tempo e cesello. Ci riesce benissimo”).

Le birre scelte con Valter per la serata sono:

Madamin 2012 alla spina
Dama Brun-a 2011 in bottiglia
BeerBrugna 2011 in bottiglia
BeerBera 2011 in bottiglia
Papessa 2012 alla pompa.

(A brevissimo sul blog di Taberna qualche dettaglio in più).

Presenterà la serata Manuele Colonna dello sconosciuto locale Ma che siete venuti a fa’!

Taberna. Vicolo del Duomo, 49. Palestrina (Roma). Tel. +39 06 95270920. (Posti limitatissimi!)

Al nord segnaliamo via Facebook Il Bardo dove domenica 11 novembre si fa festa. Si parte alle 12.00 fino a chiusura con birre autunnali, caldarroste, polenta e spezzatino, vin brulé, beer brulé, i mastri birrai presenti al Bardo e altro ancora!
Per festeggiare l’arrivo del freddo, scaldiamoci con un adeguato tenore alcolico!
Alle spine:
Gabiana, Menaresta
Porpora, Lambrate
Amber Shock, Italiano
Dama,
Loverbeer
Tripé, Lariano
Straf, Extraomnes
Wabi, Orso Verde.

La festa prosegue tutta la settimana fino ad esaurimento scorte!

Il Bardo. Piazza Risorgimento, 1, a Carate Brianza (Monza e Brianza). Tel. 320 3593540 e 328 4668751
(osteriailbardo@gmail.com).

4 Commenti

  1. “Gabiana, Menaresta Porpora, Lambrate Amber Shock, Italiano Dama, 
Loverbeer Tripé, Lariano Straf, Extraomnes Wabi, Orso Verde”.

    avete fatto un po’ di confusione?

  2. Rivelazione mica tanto. Esiste da tempo il marchio di Alex del 4:20.
    Ero presente anche alla serata della “riappacificazione” al macche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui