50 migliori vini italiani 2013: Poggio di Sotto, Roagna e Setteponti su tutti

Tempo di lettura: 2 minuti

E’ il Brunello di Montalcino Poggio di Sotto, Riserva 2007, il miglior vino d’Italia. Lo hanno decretato i giudici della giuria internazionale del Best Italian Wine Awards. Il riconoscimento, decretato da un team che comprende gli ideatori dell’evento Luca Gardini e Andrea Grignaffini, affiancati da Tim Aktin, Christy Canterboury Canterbury, Daniele Cernilli, Antonio Paolini, Raoul Salama, Ezio Enzo Vizzari, va Claudio Tipa, alla sorella Maria Iris Tipa Bertarelli e al figlio di lei Ernesto. Il premio sarà consegnato domani a Milano, alle 18, all’Officina Eventi di Terme Milano. Sul podio anche il Barbaresco Asili Vecchie Vigne 2007 di Luca Roagna e Oreno 2010 di Setteponti.

I 50 vini migliori d’Italia

Poggio di Sotto Brunello di Montalcino Riserva 2007
Roagna Barbaresco Asili Vecchie Vigne 2007
Setteponti Oreno 2010
Ferrari Ferrari Giulio Riserva del Fondatore 2002
Massolino Barolo Vigna Rionda Riserva 2007
Tramin Alto Adige Terminum Gewurztraminer 2011
Lis Neris Tal Luc 2010
Valentini Trebbiano D’Abruzzo 2011
Romano dal Forno Valpolicella Superiore Monte Lodoletta 2007
Pianpolvere Soprano Barolo Bussia Riserva 2006
Tua Rita Redigaffi 2010
Palari Faro 2008
Ettore Germano Langhe Riesling Herzu 2011
Marisa Cuomo Costa D’Amalfi Furore Fiorduva 2011
Gravner Bianco Breg Anfora 2006
Cavallotto Barolo Riserva Bricco Boschis V. S. Giuseppe 2007
Schiavenza Barolo Prapò 2009
Sottimano Barbaresco Currà 2008
Cogno Elvio Barolo Vigna Elena Riserva 2007
Brovia Barolo Ca’ Mia 2009
Duemani Costa Toscana IGT Cabernet Franc 2010
Bruno Rocca Barbaresco Rabaja 2010
Paride Iaretti Gattinara Riserva 2005
Castello di Verduno Barolo Monvigliero Riserva 2007
Tenute Sella Lessona Omaggio a Quintino Sella 2007
Tenuta San Guido Sassicaia 2010
Burlotto Barolo Monvigliero 2009
Polvanera Primitivo di Gioia del Colle Vi. Montevella 2010
Argiolas Turriga 2008
Conterno Fantino Barolo Sorì Ginestra 2009
Bruno Giacosa Barolo Le Rocche Falletto Riserva Et Rossa 2008
Masciarelli Villa Gemma Montepulciano di Abruzzo 2006
Giuseppe Cortese Barbaresco Rabaja Riserva 2006
Conte Brachetti Peretti Il Pollenza 2010
Marco De Bartoli Vecchio Samperi Ventennale S.a.
Ca’ del Bosco Franciacorta Brut Rosé Riserva AMC 2005
Cavalleri Franciacorta Collez. Esclusiva 2004
Masseto Masseto 2010
Allegrini Amarone della Valpolicella Classico 2009
Travaglini Gattinara Riserva 2007
Jermann Vintage Tounina 2011
Poderi Aldo Conterno Barolo Bussia 2005
Quintodecimo Taurasi Riserva Vigna Quintodecima 2007
Villa Bucci Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2008
Cascina Ca’ Rossa Roero Mompissano Riserva 2010
Le Piane Boca 2008
La Monacesca Verdicchio di Matelica Riserva Mirum 2010
Casanova dei Neri Brunello di Montalcino Cerretalto 2007
Fontodi Fleccianello 2009
Damijan Venezia Giulia IGT Malvasia 2009

[Link: corriere.it]

7 Commenti

  1. Penoso.
    Una squallida operazione commerciale ristretta a limitate zone geografiche con l’evidente (e ritengo voluta) esclusione di vini d’eccellenza di altre zone.
    Difficile prenderla sul serio.

  2. Mi chiamo sempre Enzo, così come la Canterbury si chiama Canterbury e non CanterbOUry, e Vittorio Moretti (Bellavista)non c’entra nulla con Setteponti (Antonio Moretti): qualcuno lo spieghi al Corriere della Sera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui