Coronavirus: irlandese celebra i pub riaperti bevendo 42 birre in 105 minuti

Gli irlandesi s’interrogano increduli sui social: è possibile bere 42 birre in 105 minuti senza ubriacarsi? Ma ci sarebbe un’altra spiegazione

Tempo di lettura: 3 min

In Irlanda i pub hanno da poco riaperto dopo la chiusura forzata causata dall’emergenza Coronavirus. Un anonimo cliente ha festeggiato l’evento, nonché la prima bevuta dopo tre mesi, tracannando 42 birre (Guinness va da sé) in meno di un’ora e mezza. Sborsando peraltro la ragguardevole cifra di 222,90 euro.

L’epica bevuta si è svolta al Darnley Lodge Hotel ad Athboy, attestata da una ricevuta del bar dell’hotel County Meath, grazie alla quale gli irlandesi stanno cercando da giorni di ricostruire quanto accaduto in appena 105 minuti.

Le 42 birre bevute e le regole anti-COVID 19

Sì, perché dovete considerare le regole anti-COVID 19. Noi in Italia abbiamo l’obbligo di indossare la mascherina se non siamo seduti al tavolo, ci disinfettIamo le mani subito all’ingresso e manteniamo la distanza interpersonale.

In Irlanda, oltre alla prenotazione e al mantenimento della distanza, è obbligatorio restare in un locale per non più di 105 minuti.

La prescrizione è ricondotta all’osservazione che il contagio avviene per il volume di aria ispirata e espirata oltre al tempo di stazionamento.

Di conseguenza, i pub cercano di proporre pasti sostanziosi e quindi più costosi per garantirsi la sostenibilità economica dopo la riapertura.

Ma l’anonimo cliente non sembra essersi preoccupato troppo della voce cibo poiché lo scontrino postato sui social dice che ha ordinato due zuppe, un fish and chips, due coca. E la bellezza di 42 pinte di Guinness.

Come è possibile bere 42 pinte di birra in un’ora e mezza

Okay, secondo alcune ricostruzioni l’avventore anonimo non avrebbe speso 222,90 € di birre ma solo 189. Questo perché 12 pinte di birra sarebbero state offerte dal pub. Ma la media impressionante rimane: un boccale ogni due minuti e mezzo. Impossibile da mantenere per qualunque appassionato pur messo alle strette dal lockdown.

Il Dublin Live ipotizza una spiegazione migliore per questo conto.

Un addetto del pub ha spiegato che il conto è stato in realtà diviso tra diversi clienti. L’anonimo bevitore avrebbe pagato le pinte di birra per sé e per gli amici, che invece avrebbero pagato resto, cioè i circa 40 € di cibo.

Ma il giallo si infittisce perché anche a voler considerare plausibile questa spiegazione e tralasciando la voce dei coperti, sarebbero appena tre portate. E nella migliore delle ipotesi andrebbero considerati almeno sette bevitori di birra per arrivare a 42 pinte. In un’ora e mezza o poco più.

Per inciso, questa non è l’unica segnalazione di mega bevute di birra che fa il giro dei social.

In un altro post ampiamente condiviso, un gruppo ha acquistato 31 pinte di Heineken e una sola porzione di pollo e patatine per un totale di 194,85 euro.

Come dire che la fine del lockdown ha scatenato tra gli irlandesi una sete epocale di birra.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui