Italia in Tv. Cosa c’è di estremo nella partita di Orrori da gustare?

“Se vi sembra buono mangiatelo”. E’ il saluto che chiude le puntate di Orrori da gustare, la serie tv di nuovo al via, questa sera alle 22,05 , sul Digitale Terrestre e su Sky. Oggetto del pasto cibi disgustosi/puzzolenti/viscidi/schifosi, almeno per le papille occidentali. Come il cervello di armadillo, la cavalletta, l’intestino d’oca, le larve dell’albero di noce di cocco o il cuore di cobra.

A spazzolare il piatto ci pensa Andrew Zimmern, chef, esploratore gastronomico e globe-trotter estremo che se ne va in giro per il mondo ad assaggiare di tutto mettendo dietro in scena cibo esotico a filiera cortissima (dalla cattura/coltivazione al consumo passando per la preparazione).

Niente vita notturna come nel format fratello No Reservations di Anthony Bourdain, tanta gastronomia estrema come la zuppa al roditore in Suriname o la salsa con sangue di gallina nella foresta amazzonica e dove, a giudicare dalle serie già andate in onda, l’ardito chef sembra tentennare solo di fronte al tofu puzzolente.

Il programma, filiazione del documentario Bizarre Foods of Asia, andrà in onda il martedì su Digitale Terrestre Free – Canale 52 e su Sky – canale 140. Grecia, California e Finlandia tra le tappe della nuova serie. Anche l’Italia dove Zimmern mangerà carne di asino, pesci di laguna, seppie e polpi.

E che c’è di estremo?

[Link: attentialcine.blogosfere.it]

 



Un commento su “Italia in Tv. Cosa c’è di estremo nella partita di Orrori da gustare?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

WP-SpamFree by Pole Position Marketing