Natale vuol dire regali, inevitabilmente. E inevitabilmente si è tutti alla ricerca di regali originali e al riparto dal rischio doppione o effetto sbadiglio. Ecco allora che ho pensato alla mia regione, il Friuli Venezia Giulia, per fare una lista di regali originale e focalizzata su prodotti del luogo.

Vivendo a Roma, però, ho dovuto armarmi di ricordi e di emissari sul luogo. Ricordi per fare un elenco dei prodotti più Doc possibile, più radicati anche nella testa e nei gusti dei friulani e giuliani. Volevo infatti evitare di cadere su prodotti meramente commerciali. Ho contattato i produttori per confermare che i loro cibi fossero acquistabile anche dai fuori regione. Infine, ho sentito degli emissari, ossia amici che ancora vivono in Friuli Venezia Giulia per sapere quali sono le nuove tendenze.

E’ così venuto fuori un elenco lungo, variegato e con alcune cicche. Se vuoi un Natale friulano ecco a cosa mettere sotto l’albero di Natale.

Un cesto di prodotti del Parco Alimentare di San Daniele. Sì, quello del prosciutto, ma nel pacco di prosciutto neanche l’ombra. Ci sta l’insaccato La Mindricule, il Sapor di Trota, il Dolce ricco di Natale, della farina di polenta da mulino, il formaggio di Fagagna, il salame, le verdure in agrodolce e il Verduzzo del Friuli Grave. Provare per credere. Il pacco nasce come iniziativa spontanea di un gruppo di produttori locali che si sono uniti per farsi scoprire. Per ricevere il pacco basta scrivere ad uno dei produttori (l’elenco è disponibile qui).

friuli-confezioni_natale_Pitars

Se ti interessa di più il vino, ma vuoi comunque avere già degli abbinamenti belli che fatti, considera Azienda Agricola Cantina San Martino “Pitars“. Offre una vasta scelta di vini Doc in abbinamento con altri prodotti Doc. Si parla di confezioni natalizie con vini e formaggi Tosoni, Gubana Giuditta Teresa e Pitina della Macelleria Antonini Noè di Maniago. Ma ti conviene sentire direttamente loro, in particolare scrivendo un’email a Valentino (valentino@pitars.it).

friuli-lardo-casalecjanor

Altri cesti natalizi li offre anche il Casale Cjanor, il mio punto di contatto per scoprire il primo cesto. Carolina è disponibilissima e offre varie scelte di cesti con dentro anche il tipicissimo Muset friulano ed il presidio Slow Food Pestàt di Fagagna. Però consiglio anche le variegate e originali marmellate per formaggi.

Formaggi? Non posso dimenticare i formaggi Tosoni. Hanno iniziato da tempo un recupero dei formaggi tradizionali quali l’Asìno e il formadi Frant. Ma la scelta è ampia. Sebbene operi prevalentemente in Friuli Venezia Giulia, un tentativo per avere una spedizione ad hoc lo farei se fossi in te. Sono formaggi veramente speciali. Sono da ammirare anche per una iniziativa originale: un calendario nel 2006 con le mucche in giro per le cittadine friulane.

friuli-brovada-ph-veganblog

E se prima ho parlato di Muset, non posso che ora suggerirti di provare per Natale la brovada. Banalizzando si potrebbe dire che la Brovada ricorda i crauti. In realtà, sono rape fatte macerare nelle vinacce. Di solito si serve col Muset o altri bolliti. Tra i vari produttori, consiglio uno attivo dal 1976, l’anno del terremoto. La Brovada Mansutti disponibile ad effettuare spedizioni per posta.

Se poi volessimo allontanarci da un cibo così popolare per ricadere su uno di alto lignaggio, hai mai pensato di assaggiare il petto d’oca, l’insaccato intendo. Qui emerge un nome su tutti: Jolanda de Colò che dell’oca e dei suoi derivati ne ha fatto tesori culinari.

friuli-molino-persello

Ancora, tradizionale è la polenta in Friuli. Di produttori di posso fare alcuni nomi come La Blave di Mortean, il Mulino Fratelli Persello, che già compare nel primo cesto menzionato, e il Mulino di Godia di Udine. Quest’ultimo piccolo e tradizionalissimo, ma evade ordini anche per il Canada. Qui il contatto però è solo telefonico a quanto ne so.

Un’ulteriore chicca è il miele di Andrea D’orlando di Villa Santina. Diversi premi ne attestano la qualità. Gli unici contatti reperiti online sono per email (andreadorlando@yahoo.it ). Se invece vuoi puntare un miele e non solo su un produttore locale, c’è il miele Marasca del Carso.

friuli-birra-meni-durgnes

Si è parlato di Polenta, Muset, Brovada, miele, vino, cosa manca? A quanto mi dicono fonti di tutto rispetto anche in Friuli è birra mania. E l’ultimo grido è …la Birra di Meni. Birra artigianale con premi internazionali alle spalle, nata quasi per caso e che oltre classiche propone birre rese speciali dalla passione e dagli ingredienti, come i fiori di sambuco, mele, fragole, castagne etc. E per Natale vi sono pacchi ad hoc. Più importante di tutti accettano di fare spedizioni extra regionali.

Insomma, c’è una bella scelta.

Buon Natale

[Rossella Di Bidino]

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui