Schede del vino. Sirch Colli Orientali del Friuli 2010

Tempo di lettura: 1 minuto

Una delizia! Un bianco di straordinaria piacevolezza, giocato su un sottile, perfetto equilibrio tra la caratteristica nota mandorlata del vitigno e un’acidità che nasce da una vigna perfettamente allevata (e non poteva essere altrimenti!). Pierpaolo Sirch è uno dei più bravi in Italia a condurre un vigneto, ci ha costruito una brillante carriera con incarichi di notevole importanza e l’azienda di famiglia non può che essere il suo fiore all’occhiello.

Il Friulano è un vino che, a dispetto del nome (un po’ anonimo, ne converrete) e delle interminabili discussioni sulla transizione imposta dalla Ue, sta incontrando il favore del pubbilco per le sue caratteristiche molto riconoscibili e la facilità di beva (da sempre è un Friulano il tajut delle osterie della zona). Spesso negli ultimi anni la ricerca di qualità e ricchezza ha prodotto vini molto alcolici che hanno in parte stravolto il suo profilo tradizionale ma si assaggiano incoraggianti segnali di inversione di tendenza.

Questo 2010 è un esempio perfetto tra le caratteristiche storiche e le note contemporanee più eleganti e fresche. La sensazione di piacere si fonda sulla precisa definizione del frutto (domina una deliziosa nota agrumata leggermente acerba) e la rinfrescante sapida acidità.

3 scatti e un secchio € 9,48

Azienda agricola Sirch – Cividale del Friuli UD – Tel: +39 328 4696875

11 Commenti

  1. Molto anonima la denominazione friulana ma il nome di Sirch non si dimentica soprattutto nelle serate più calde. Il 2007 mi era sembrato un po’ zoppicante, ma avevo una sola bottiglia e forse era la prima annata non so

  2. …buon vinello , concordo. Certo qui si passa da Oenoteque , Winston e Montrachet ad un “simpatico” e piacevole Colli Orientali di un onestissimo produttore … non ci saranno più le mezze stagioni , ma anche a mezze misure non si scherza…
    PS: stavo partorendo una cattiveria indicibile , ma mi sono trattenuto perchè in fondo penso che il promuovere significhi anche parlare di vini non sotto i riflettori … chiaramente sempre ad interruttore “on” e non a intermittenza ad uso e consumo senza una logica apparente…

  3. Bevuto con Paolo Trimani e BM da Dino quindici giorni fa….piaciuto soprattutto per la bevibilità e per la sapidità quasi asciugante.

  4. ha risposto a vinogodi: … Appunto come dicemmo in tempi non sospetti “cumpà, noi perlopiù si beve!”… Il vino è anche questo mischiare alto e basso e inseguire il gusto senza preconcetti…

  5. ha risposto a paolo trimani: …vi seguo , oggi, spesso perchè è un luogo divertente , poco ideologizzato , di persone che amano vivere , divertirsi (il giusto) e con pochi preconcetti (leggi ipocrisie) . Comunque vi leggo da relativamente poco , grazie ad un link di un altro forum , e non ho ancora avuto ocacsione di leggere il pregresso , cosa che farò , a rate , non appena il tempo me lo permetterà . Odio comunque il populismo , sia esso “eno” , sia esso di rivendicazione sociale capziosa e politicizzata ( ala Porthos d’antan , tanto per intenderci e per non fare nomi…). Non mi interessa il politically correct . Fatta questa premessa (seppur non doverosa) il mio approccio critico ( e sospetto) quando in un luogo di berealto compaiono vini “quotidiani” seppur di ottimo livello qualità/prezzo è dato dal mio vissuto del web dove ne ho viste di tutti i colori , soprattutto quella di spacciare per grande ciò che grande non è per motivi che non ci è dato sapere .Perché Sirch e non Picariello , Collestefano , Nicola Ferri , Frozza , Burlotto e migliaia di altri piccoli , bravi produttori? Chiaro , dove la sorpresa per un “valore” che non t’aspetti ti colpisce , è quasi dovere , non solo piacere, segnalarlo , perchè è anche ipocrisia quella di dar da pensare che solo Grands Cru di Borgogna adornano il nostro desco quotidiano , e il valore sociale dei forum enogastronomici è proprio quello di condividere la scoperta e la conoscenza . …

  6. …ripeto , comunque , che ancora conosco poco sia le persone che gli scritti di questa area di Scatti di Gusto ,i gusti di ognuno , le enotendenze e “le specializzazioni” , per cui parlo solo per ciò che ho metabolizzato negli ultimi mesi …

  7. ha risposto a vinogodi: Grazie per il divertente e il poco ideologizzato 🙂
    Come leggi (do il tu da web!) sulla sinistra di questa pagina nella sezione scatti di vino ci sono circa 200 articoli. Il bottone relativo immette nella sezione. Se vuoi andare sul “pepato”, hai in home Black Mamba (in quella sezione c’è il discussissimo De Prosecchibus).
    Buona lettura e ancora grazie per l’interesse 🙂

  8. ha risposto a vinogodi: I vini quotidiani, caro Marco, non sono mai mancati… Picariello per primo ;). Per noi è talvolta quotidiano anche coche dury o Valentini… Il politically correct non sappiamo cosa sia, per cultura e vicessidutini di vita. La sola bussola è il piacere, la sola meta la conoscenza…
    Leggi lo storico e facci sapere 😉 lettori come te sono una gioia!

  9. ha risposto a vinogodi: grazie dell’attenzione e per le istruzioni di lettura del web, non solo vinicolo
    qui cerchiamo di far bene senza altre regole che quelle indicate da Alessandro, liberi e belli! (cioè almeno qualcuna…) 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui