Guida Vini d’Italia 2012 | I Tre bicchieri d’Abruzzo e Molise

Tempo di lettura: 1 minuto

Oggi tocca all’Abruzzo e al Molise. Questo è l’elenco.

Abruzzo

Montepulciano d’Abruzzo San Calisto 2008 – Valle Reale
Montepulciano d’Abruzzo I Vasari 2008 – F.lli Barba
Montepulciano d’Abruzzo Cocciapazza 2008 – Torre dei Beati
Montepulciano d’Abruzzo Spelt 2007 – La Valentina
Montepulciano d’Abruzzo Amorino 2007 – Podere Castorani
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Adrano 2008 –Villa Medoro
Montepulciano d’Abruzzo Colline Termane Pieluni Ris. 2008 – Illuminati
Pecorino 2009 – Cataldi Madonna
Pecorino 2010 – Tiberio
Trebbiano d’Abruzzo 2009 – Valentini
Trebbiano d’Abruzzo Marina Cvetic 2009 – Masciarelli

luigi-cataldi-madonna-q

Molise

Molise Aglianico Contado Ris. 2009 – Di Majo Norante

Spicca la sempre maggiore attenzione verso il Pecorino, non più solo un divertente vino alla moda, ma un vitigno interessante capace di conquistare ben due premi. Per il resto i nomi sono quelli dell’eccellenza abruzzese. Spicca il brusco ridimensionamento dei doppi tre bicchieri che negli scorsi anni erano numerosi in regione.

Il Molise rimane una realtà vinicola di nicchia, nella quale spicca l’azienda Di Majo Norante.

4 Commenti

  1. Lista classica senza guizzi. Io avrei pemiato almeno uno tra Tonì e Malandrino se non entrambi. Secondo me Luigi ha una batteria di rossi, compreso il base da cappottarsi. La migliore di sempre. Sono curioso di assaggiare Pieluni e Adrano. Gli ultimi ricordi sono legati a degustazioni con coltello e forchetta, sarà cambiato qualcosa. Coraggioso e totalmente condivisio Tiberio che complice la 2010, annata di tutt’altro spessore per i binchi rispetta alla 2009, è, a mio modestissimo parare, sopra Cataldi.

  2. ha risposto a jovica todorovic (teo): beh, Teo sei ingeneroso, lista classica senza guizzi… Solo Tiberio meriterebbe un plauso al coraggio e anche Amorino, un bel montepulciano figlio del cemento e di vigne di altezza… Su Tonì sfondi una porta aperta… secondo me uno dei migliori montepulciano di sempre, anche pepe 2008 mica scherza 😉
    Per quanto riguarda Pièluni e Adrano… Beh, devi contare che la tipologia delle colline teramane è quella, cmq sono due gran bei vini!
    Il pecorino 2009 di CDM è semplicemente il migliore che lui abbia mai fatto, annata o meno…
    Ps pareri sempre personali, sia chiaro…

  3. ha risposto a Alessandro Bocchetti: E il pecorino 2010 di Luigi ? Ne vogliamo parlare ? 😉
    Il 2009 è FA-VO-LO-So ma il 2010 secondo me potrebbe essere addirittura meglio … Il Tonì 2008 davvero eccellente. Sono contento per Barba e per il premio sul Vasari che m’è piaciuto sin dal primo assaggio … 🙂

  4. Secondo quest’anno era di altissimo livello anche il Villa Gemma di Masciarelli e il già citato Pepe 2008. Tra i vini di Luigi – tutti di altissimo livello – mi è piaciuto da matti il cerasuolo base 2010, perfetto per la tipologia. Tra i teramani, rispetto a quelli presenti, mi ha colpito di più il Neromoro di Nicodemi. Infine una citazione la farei anche al Trebbiano Fontecupa di Montori, troppo spesso sottovalutato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui