Anteprime Toscane 2012. Non solo Brunello. Benvenuto Rosso di Montalcino

Tempo di lettura: 3 min

Dopo una giornata impegnativa, anche se di grande soddisfazione, dedicata al Brunello di Montalcino, oggi diamo conto dei nostri assaggi del Rosso di Montalcino.

Dalla degustazione di circa 130 campioni (in prevalenza dell’annata 2010, e poi qualche presenza del 2009 e 2008), emerge un livello medio decisamente buono, con diverse eccellenze, normalmente legate alla grande freschezza e bevibilità, eleganza e profondità di beva.

Non presenti il Rosso di Poggio di Sotto 2008 e 2009 (Campione di Botte)  e della Cerbaiona 2009, che abbiamo avuto modo di assaggiare con grande entusiasmo in altro contesto, e di cui Scatti di Gusto vi parlerà in un servizio dedicato ai fuori salone.

Top 15 Rosso di Montalcino

Il Paradiso di Manfredi. Rosso di Montalcino doc 2010
Note selvatiche e animali si accompagnano a frutti neri e spezie. Grande freschezza  ed eleganza e finale floreale.

e secchio.

L’Ajetta. Rosso di Montalcino doc 2010
Sarebbe veramente un bel modo di consolarci (a Roma si dice “consolati con l’ajetto”) . Piccoli frutti neri e tannino levigato, freschezza e mineralità . Elegante  e di grande bevibilità.
 ½  e secchio

La Palazzetta. Rosso di Montalcino doc 2010
Strutturato e di ottima acidità. Note minerali e agrumate e finale chinato.

Le Ragnaie. Rosso di Montalcino doc 2010
Apertura con sentori foxy, di spezia , frutti neri e grafite. Il centro bocca è conquistato da una buona complessità e struttura nonostante freschezza e bevibilità. Tannino di buona tessitura.

Mocali. Rosso di Montalcino doc 2010
Sentori eterei fanno da contraltare a spezia e frutti neri. Persistente e strutturato, e dal tannino molto fine. Fresco ed elegante. Prezzo conveniente (11 euro sullo scaffale).
½  e secchio

Tenuta la Fuga. Rosso di Montalcino doc 2010
Al naso si offre con un ventaglio speziato e note di ciliegia croccante, in bocca si allarga con piacevolezza,  l’eleganza del finale è sottolineata da una leggera nota ammandorlata.

Tenuta San Giorgio. Rosso di Montalcino doc 2010
Naso minerale e di piccoli frutti rossi, emerge per freschezza e bevibilità, con ritorni di note balsamiche e quasi mentolate, lungo e succoso il finale, da accompagnare ad una tagliata al sangue. Da notare il favorevole qualità/prezzo:  13-15 euro sullo scaffale.

Tiezzi. Rosso di Montalcino doc 2010
Note di frutti rossi, mineralità e fiori, in bocca la freschezza è bilanciata da polpa e frutto croccante, la lunghezza gustativa è di rilievo, il prezzo è centrato: 12 – 14 euro.
½

Donna Olga. Rosso di Montalcino doc 2010
Al naso note radiciose di genziana, di china e di tabacco scuro; all’assaggio si rivela  fresco , con una buona spinta acida, elegante e di beva eccellente.
e secchio

Baricci. Rosso di Montalcino doc 2010
Olfatto di frutti rossi e prugna, speziatura leggera di pepe nero, in bocca la freschezza acida sostiene una buona struttura, tannini esuberanti ma di buona qualità. Elegante e con un prezzo d’affezione (10 euro) per un nome storico.
½  e  secchio

Luca Brunelli. Rosso di Montalcino doc 2010
Al naso originali le note di spezie orientali,  rabarbaro e tabacco da pipa; in bocca il tannino è giovane ma definito, la bevibilità è assicurata da una freschezza non inaspettata.

e secchio

Capanna. Rosso di Montalcino doc 2010
Naso riconoscibile con note floreali di viola e rosa, frutti rossi e mineralità, in bocca è setoso ed elegante, con acidità che non disturba e garantisce grande piacevolezza e bevibilità. Ottimo il qualità/prezzo (10-12 euro sullo scaffale).
e  secchio

Le  Macioche. Rosso di Montalcino doc 2009
Note di mora e viola controbilanciano sensazioni chinate e speziate. Acido e persistente , con finale molto lungo di genziana.
½ e  secchio

Matè. Rosso di Montalcino doc 2009
Qui sono la frutta secca e la mammola a farla da padroni. Al gusto elegante e fresco. Grande bevibilità, con sentori minerali sul finale.
e secchio

Terre Nere. Rosso di Montalcino doc 2009
Il rosso di questa giovane azienda colpisce per prontezza e facilità di beva (oltre che per un prezzo  che incoraggia l’acquisto : 12/13 euro)al naso frutti rossi e minerale, in bocca è gentile ed elegante, il tannino è di buona qualità. Per un Cacciucco alla livornese.

(Stefano Ronconi, Maurizio Valeriani)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui