Sorbitolo. Da dolcificante per dieta e dolci a farmaco killer su ebay

Tempo di lettura: 1 minuto

Mille tonnellate di sorbitolo (Sorbitol Food Grade) sono state sequestrate dai Carabinieri dei Nas in due ditte di Rovigo e Padova. La procura di Trani ha iscritto tre persone nel registro degli indagati per la morte della ventottenne commercialista Teresa Sunna avvenuta a seguito dell’assunzione del sorbitolo in un laboratorio privato di analisi a Barletta dove si era sottoposta a test allergici. Due altre donne fuori pericolo, Anna Abbrescia, 32enne di Altamura, e Addolorata Piazzolla, 62enne di Margherita di Savoia, in rianimazione.

Imputato, il sorbitolo che è stato impiegato nel test allergico probabilmente in aggiunta con nitrati. Sarebbe questo mix ad aver fatto ricordare a una delle sopravvissute il sapore salato del liquido ingerito. Il sorbitolo, infatti, è un additivo alimentare ma impiegato largamente come dolcificante in campo dolciario (E420) e come ammorbidente nelle paste dentifrice. Ed è proprio sul succedaneo dello zucchero (che ha però minore potere edulcorante, non è metabolizzato dai batteri che procurano le carie ed ha come controindicazione effetti lassativi se ingerito in grandi  quantità) che si è appuntata l’attenzione degli investigatori.

Il sorbitolo sotto accusa, acquistato su ebay in Inghilterra da uno dei tre indagati, sarebbe destinato esclusivamente ad uso alimentare e non medico. Ma è il taglio con altre sostanze che avrebbe causato il cocktail letale. L’ipotesi del tossicologo del centro di Pavia Carlo Locatelli è che la sostanza sospettata a base di nitrati abbia interferito con il trasporto di ossigeno da parte dell’emoglobina causando l’avvelenamento. Solo la pronta diagnosi effettuata dall’ospedale di Barletta ha permesso di salvare le altre due pazienti

Intanto a scopo precauzionale sono partiti i sequestri e la ricerca del sorbitolo che da semplice edulcorante nelle caramelle dietetiche è diventato farmaco killer che mette in discussione la liberalizzazione della vendita dei farmaci.

[link: agi.it. repubblica.it]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui