Gastrocrazia. Napolitano fa salvare l’Italia a Eataly Roma e a Farinetti

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è andato a Eataly Roma e ha cenato con Oscar Farinetti al ristorante Italia

Notizie

Hanno da gioire i capitolini gastro-strippati che ogni mattina si inchinano in direzione della nuova mecca del cibo. A Eataly Roma sono entrati nei primi 5 giorni di apertura 100 mila persone, cioè se sono ancora bravo a fare di conto, 20 mila al giorno, ben più delle dichiarazioni dello stesso Farinetti.

Un patrimonio di seguito impressionante per qualsiasi politico. E così a Eataly si è rivista per la quarta volta in veste ufficiale (ma hanno specificato che non la conteggiano negli accessi) la pimpante governatrice del Lazio Renata Polverini che ha acompagnato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Nel ristoshop (quasi orrida questa definizione), spiega Laura Serloni su repubblica.it, Giorgio Napolitano ha visitato il lunapark del gusto (e daje) e poi si è seduto con Oscar Farinetti al tavolo del ristorante Italia dove opera lo chef Gianluca Esposito.

Sono chiari segnali di cosa serva per salvare l’Italia mentre dobbiamo scoprire ancora quale è stato il percorso gastronomico del Presidente della Repubblica.

[Immagini: Franz Benvenuti/F3Press]