Divinolio. Il miglior sommelier d’Italia Aspi 2012 è Gennaro Buono

Vino

Si è tenuta a Termoli la manifestazione Divinolio, una quattro giorni su vini e oli extravergine molisani, che ha rappresentato la più grossa manifestazione tematica mai organizzata in questa regione almeno per la parte enologica che ha visto la partecipazione di 17 cantine molisane sulle 21 censite.

Nel suggestivo borgo antico di Termoli la via Duomo, nei due giorni finali della manifestazione, è stata disseminata di stand, dove il pubblico ha potuto degustare vini ed oli extravergini della associazione Molisextra. I ristoratori del basso Molise hanno potuto partecipare a master, su vino, acqua, caffè e olio extravergine.

Buona anche la proposta di piatti molisani da parte dei 25 Ristoranti che hanno aderito all’iniziativa, proposti in abbinamento ai vini.

Durante la manifestazione si è svolta anche  la quinta edizione del concorso “Migliore Sommelier d’Italia ASPI”,  organizzata dall’Associazione  della Sommellerie Professionale Italiana, l’unica associazione italiana accreditata presso l’ASI (L’Associazione della Sommellerie Internazionale) con la partecipazione dei migliori professionisti del settore che si sono misurati in varie prove simulando l’attività in un ristorante tre stelle Michelin. Ha vinto Gennaro Buono, salernitano di nascita ma che lavora in provincia di Siena e che concorrerà al titolo di miglior sommelier del mondo dell’ASI, mentre Antonio Garofolin, di Riva del Garda, si aggiudica il primo “Gran Premio Tintilia e vini da Vitigni Autoctoni Italiani” superando la prova del riconoscimento alla cieca di alcune tintilia.

L’Associazione della Sommellerie Internazionale  ha tra gli iscritti più di 40 paesi del mondo, contro una decina di paesi della WSA (World Sommelier Association)  fondata dall’AIS a sua immagine e somiglianza. Il premio di “migliore sommelier del mondo” maggiormente esaltato dai media in Italia è quello della WSA mentre viene curiosamente accantonato quello assegnato dalla ASI.  In attesa di vedere aggiunta a ogni titolo mondiale anche la sigla dell’organizzazione che l’assegna, come avviene nella boxe, le parole di soddisfazione del presidente di Divinolio Italia Rudy Rinaldi per il successo della manifestazione rimandano operatori e appassionati all’appuntamento del 2013 che sarà allargato oltre i confini molisani.