Roma. Che pesce mangiate da Iodio che ha aperto a Ostiense

Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo tutte le nuove aperture a Roma che abbiamo seguito negli ultimi mesi, fa più notizia un locale che apre senza dire niente a nessuno.

E’ proprio il caso di Iodio, aperto in sordina sulla via Ostiense qualche giorno fa.

Il titolare, Patrizio Alunni Tullini, in passato proprietario di una nota catena delle paninerie oTBReD, è volutamente andato controtendenza, sicuro di fare la scelta giusta, puntando sulla qualità che deve fare la differenza, e non sull’inaugurazione “in pompa magna”.

iodio-patrizio-alunni-tullini

Sono andata ad assaggiare la cucina di Iodio, e ora vi racconto dove mangiare bene il pesce senza uscire da Roma, ma avendo l’impressione di stare da qualche parte sul mare, in darsena.

iodio-diamond

Il locale si trova proprio sulla strada, a due passi dall’inizio di viale Marconi. Era una sorta di deposito abbandonato che ora ha completamente cambiato l’aspetto, grazie anche a Diamond, nome noto della Street Art romana che ha firmato il design del ristorante.

iodio-sala

La sala interna è piuttosto piccola, può ospitare fino a 34 posti seduti, ma non dà l’impressione di essere affollata grazie ai soffitti alti, il gioco dei fili delle lampadine e la cucina a vista. Con l’arrivo della bella stagione, saranno disponibili altri 70 posti all’esterno.

Il menù non è ampio, ma ben strutturato, con tanti crudi, 4 primi e 4 secondi. Il pesce arriva tutti i giorni da Terracina, da Carpignoli, garanzia di freschezza e di qualità (lo stesso fornitore di Assunta Madre).

Qui troviamo ostriche (4,50 € l’una), mix di tartare  (18 €), gran crudo (30 €), percorso di antipasti caldi (20 € 5 portate).

I primi costano tra 15 e 18 €, i secondi come baccalà “allo Iodio” o calamari sulla piastra (16 €), guazzetto di pesce (20 €) o pescato del giorno (60 € al kg)

La carta di vini non è il solito “romanzo a più capitoli”, è abbastanza piccola, ma i vini giusti ci sono: bianchi, rossi, bollicine (anche rosa!) e, inaspettatamente, Gaia (sarà il vizio del titolare?)

iodio-baccala

Iniziamo con il baccalà scottato con burrata e scorze di limone candito, gradevole.

iodio-oyster

Ostriche Fin de Claire e oyster leaves (erba ostrica, il fantastico equivalente vegetale del mollusco), freschissime.

iodio-tartare-2

Tris di tartare: salmone, riso nero, avocado e uova di salmone, calamaro e melagrana, tonno, mango e semi di sesamo tostati. Tutti buoni, anche il calamaro (un po’ inusuale).

iodio-crudi

Tris di crostacei: scampi, gamberi bianchi e gamberi rossi. Notevoli.

iodio-gamberi-burrata

Bocconcini di gambero bianco, burrata, scorze di limone candito e caviale. Saporito, squisito, abbinamento indovinato.

iodio-cacio-pepe-rospo

Passiamo ai primi: pacchero artigianale cacio, pepe e coda di rospo. Una cacio e pepe al sapore di mare.

iodio-raviolone

Raviolone con ripieno di spigola con sauté di pomodorini datterini (pasta fatta in casa, e lo si sente!)

iodio-spaghetto-vongole

Spaghetto artigianale alle vongole. Saporito, vongole abbondanti. L’unica cosa che che cambierei è la pasta. Preferisco uno spaghetto classico, magari di Gragnano.

iodio-cheesecake

Con il mio grande dispiacere, non riesco nemmeno a pensare di mangiare altro, e passiamo direttamente al dolce: cheesecake di formaggi freschi con briciole di biscotto e salsa al passion fruit. Un dessert delle meraviglie: sapiente mix tra caprino, creme fraiche, panna e philadelphia e frutti tropicali, davvero ottimo!

Non riesco a non fare i complimenti allo chef Marco Neri (che prima di approdare a Roma, ha lavorato in giro per l’Italia, Don Alfonso compreso): cucina fresca, pulita, molto equilibrata, nessuna esagerazione.

Spendete a persona circa 60 €.

Io tornerò per i secondi. Voi che assaggereste?

Iodio. Via Ostiense 503, Roma. Tel. +39 06 5415034

2 Commenti

  1. INCONGRUENTE: ottima qualità del cibo ma 90€ per tre antipasti di pesce, un secondo (orata alla piastra) un calice di vino acqua e un caffè mi sembra davvero eccessivo, considerando anche le tavagliette ed i tovaglioli di carta, i tavoli piccolissimi 60X60 cm e la location con vista su rotatoria.
    Buono ed attento il servizio, ma su 6 bottiglie di vino rosso della carta, 4 sono tra i 70 ed i 150 €: prezzi per locali di altro livello, un caffè e calice di vino 11 €! (La bottiglia costava 23). Non ci siamo, se puntate in alto voglio le tovaglie di fiandra o di lino!

  2. Se ordino orecchiette alle ostriche e aspararagi (50 gr.di orecchiette, 1 asparago, 1 ostrica e mezza) e il piatto lo pago 18.00 euro, dentro NON CI DEVO TROVARE NEMMENO UN PEZZETO DI GUSCIO DELL’OSTRICA! E’ inutile che il cameriere dice che può succedere, a quel prezzo NON DEVE
    SUCCEDERE!!!! Posto piccolo, fuori non si può stare perchè si sta su strada, prezzi troppo alti per quello che offre, insomma ristorante mediocre alla “voglio ma non posso”, non ci torneremoela MAI più

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui