Coronavirus e cibo. Roberto Burioni spiega i veri rischi della spesa

l medico e divulgatore scientifico italiano attivo sui social in tema di vaccini con la sua pagina Medical Facts spiega come fare la spesa

Possiamo rischiare di infettarci per via alimentare col cibo che ingeriamo?

A questa domanda ha risposto Roberto Burioni dalle pagine del blog Medical Facts.

Una domanda, e una preoccupazione, che riguarda sia i cibi che compriamo al supermercato che quelli che ci vengono consegnati a domicilio.

Per la pizza e i rischi derivanti dalla manipolazione del cartone, Roberto Burioni si è già espresso nel corso della trasmissione televisiva Che Tempo Che Fa.

La premessa è che in medicina non esiste il “rischio zero”, ma è possibile affermate che il rischio di contagio tramite via alimentare è estremamente basso.

Occorre seguire solo piccoli e banali accorgimenti e Burioni rimanda a Jama Patient Page, una delle riviste più riuscite.

Il problema è affrontato in tre momenti: cosa fare quando si compra il cibo, quando lo si scarta a casa e quando lo si prepara.

Come fare la spesa senza rischi

  • Osservare la distanza interpersonale (quella consigliata negli Stati Uniti è di circa 1,80 metri, dunque superiore al metro che abbiamo ascoltato)
  • pulire con una pezzuola o con il disinfettante per le mani il carrello o il cestino che si usa
  • osservare la distanza interpersonale anche se si indossa la mascherina
  • Pulire le mani dopo aver fatto la spesa

La spesa a casa

Il tempo gioca a favore poiché la resistenza del virus sulle diverse superfici non supera le 72 ore e già dopo le prime 24 ore la carica è diminuita in maniera significativa.

I materiali più inospitali per il virus sono il cartone (eh sì) e il rame. Qui leggete tutto.

Però è meglio:

  • eliminare subito eventuali confezioni esterne (ad esempio, le vaschette in cui sono preparate le verdure fresche)
  • eliminare i sacchetti usa e getta eventualmente adoperati
  • pulire le superfici della cucina con cui sono entrate a contatto
  • Lavarsi le mani dopo aver sistemato gli alimenti nel frigo o in dispensa

Quando si prepara il cibo

Le preoccupazioni maggiori sono per le verdure crude. Cosa succede alla carota che tocco con le mani o con i guanti non particolarmente puliti?

Il rischio resta bassissimo.

Meglio però

lavare con acqua corrente la frutta e la verdura che si consumano crude.

Cioè fare quello che si è (o si sarebbe) fatto sempre.

Nessun accorgimento per i cibi cotti. Bisogna solo ricordarsi (come facevamo prima) di lavarsi le mani prima di sedersi a tavola.

Roberto Burioni conclude in tutta semplicità:

“Come vedete, nulla di trascendentale ma solo consigli di buon senso. Igiene di base che dovrà essere rispettata. Sempre. A prescindere dall’epidemia da SARS-CoV-2. Quest’epidemia presto finirà: non sarà così, in generale, per tutte le malattie infettive che in modo analogo possono essere trasmesse”.

E per chi si fosse perso i consigli per la pizza a casa, ecco l’articolo.

La pizza a domicilio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui