Italiani, poveri ma belli… verdi

Tempo di lettura: 1 minuto

poveri-ma-belli-verdi

Italiani al verde, in tutti i sensi. Mentre calano i consumi alimentari (-3% nel 2009 rispetto al 2008 secondo l’Istat) nel carrello della spesa si fanno largo i prodotti “eco-sostenibili”, merito soprattutto delle donne (di età media, laureate e del Centro-Nord). Lo ha rilevato la Coop analizzando i dati di un’indagine condotta su 10 mila soci nell’ambito del progetto Promise, sostenuto dall’Unione Europea, dalle Regioni Lazio, Liguria, Emilia Romagna e dalla Confindustria Ligure. Preoccupati per il consumo di risorse (54,68%) e per l’inquinamento (54,10), sensibili, nelle scelte di acquisto, alla marca (50%) e ai marchi, primo fra tutti quello biologico (88%), ma anche a quelli di denominazione di origine (86%) e al mercato equo-solidale, i consumatori del campione appaiono attentissimi all’acquisto di prodotti locali (88%), di stagione (97%) e ecologici (70%) ma sono in larga misura ignari di certificazioni come l’Fsc e Ecolabel, il marchio ecologico di qualità europea rilasciato alle aziende che offrono particolari garanzie di sostenibilità ambientale a prodotti (sapone, carta, detersivi) e servizi. A sorpresa, dall’analisi dei dati i consumatori giovani appaiono meno affascinati, anche se informati, dalla sostenibilità ambientale di ciò che comprano.

[mymovies.it]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui