Evviva, un vino della Borgogna da amare sotto i 30 euro!

Tempo di lettura: 1 minuto

Approfitto dell’assenza di Black Mamba dal mondo del vino per parlare di un delizioso rosso di Bourgogne che mette davvero a dura prova (anzi proprio in crisi!) il suo teorema borgognone. Ve lo ricordate quello su €uro (oltre i 40), amore e pinot? Spero non se la prenda altrimenti sono cavoli miei!

Viola odorata è il sottotitolo, in italiano, stampigliato sull’etichetta di questo vino. Floreale è la sua caratteristica più interessante e piacevole, si tratta di un vino che non può vantare ne’ una denominazione particolarmente nobile ne’ una grande annata eppure…
Al naso la sorpresa è piacevolissima, il frutto è integro e vivace ma viene immediatamente superato dalle note floreali, di viola soprattutto (questa era facile, lo ammetto!) e da accenni morbidi e intensi che rimandano a sensazioni tipiche dei grandi vini della zona.
Anche all’assaggio si conferma l’attacco fresco e fragrante che si distende con notevole eleganza e una perfetta definizione, finisce con una dolce peristenza.

Non avevo mai assaggiato nulla di questo domaine che si estende su 22 ettari concentrati soprattutto nell’Hautes-Côtes de Nuits, più celebri per i frutti rossi che per i vini. Claire Naudin, figlia d’arte, conduce il vigneto in modo naturale e produce con passione circa 150mila bottiglie l’anno.

Ho comprato la bottiglia a Beaune e voglio ringraziare il suggeritore: Frederic Henri titolare di una bellissima enoteca, La Boutique des Domaines. Incontrarlo è veramente un’esperienza: appassionato e gentile propone a prezzi straordinari solo i suoi vini preferiti, gli altri non lo interessano. Consiglio a tutti gli appassionati che visitano la regione di fare un salto alla Boutique, è sempre una visita istruttiva e gustosa.

3 scatti + secchio. € 27,60

Domaine Naudin-Ferrand. 12, Rue du Meix-Greinot. 21700 – Magny-les-Villers. Tel. +33 (0)3 80 62 91 50
La Boutique des Domaines – 12, rue d’Alsace – 21200 Beaune. Tel. +33 (0)3 80 25 01 80

3 Commenti

  1. Mi manca! aspetto con impazienza il guardiano del gusto che mi sembra ben ferrato in vini francesi!!! non è che siamo su scherzi a parte con questa viola odorata….

  2. Grazie della sovrastimata considerazione ma non conosco questa produttrice , e pure questa denominazione l’ho lasciata spesso ai margini delle degustazioni degli ultimi anni. Prendo però atto del buon risultato , in un annata per altro piuttosto favorevole, aspetto mai secondario in Borgogna, e mi riprometto di metterci dentro il naso alla prima occasione 😉

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui