Magnalonga a Roma. Guarda come metti insieme bicicletta e buona tavola

Dici bicicletta in città e non pensi con facilità a Roma. Non è solo una questione orografica con i colli e le salite che la rendono ostica ai meno allenati. Incidono le distanze di una città e il caos di un traffico che non conosce quiete ad eccezione degli orari notturni infrasettimanali. Roma dispone di piste ciclabili che la percorrono e si può arrivare da Flaminia a Ponte Galeria senza abbandonarle, ad esempio, anche se le condizioni di sicurezza non sono sempre tra le migliori. C’è in progetto la pista ciclabile delle Mura Aureliane ma è in discussione quella della Nomentana. C’è chi vorrebbe utilizzare la bicicletta non solo per attività ludica ma anche per recarsi a lavoro, come mezzo di trasporto. Una bella mano all’ambiente, alla qualità dell’aria e alla forma fisica.

In attesa che le strisce blu siano occupate da rastrelliere, domani 19 maggio arriva a Roma, per la quarta edizione, la Magnalonga che vuole promuovere l’utilizzo della bicicletta importando la formula della manifestazione dal nord Italia. La formula, lo spiega il nome, è associare una passeggiata a scoperte gastronomiche.

Scatti di Gusto è tra i mediapartner che danno sostegno a questa iniziativa insieme all’Agenzia DireEco in città, Paese Sera, La Nuova Ecologia, Bicycle TV, Il Cambiamento, Io faccio sport, Eco radio

La città diventerà il teatro della giornata organizzata dall’Associazione Tavola Rotonda, Legambiente Mondi Possibili, Mitologicom e NaturAmici FIAB, che sarà scandita da degustazioni (qui il “menu” da stampare) ed eventi che toccheranno 5 differenti luoghi della capitale: Ponte Tazio/Piazza Sempione,  Parco Virgiliano, Museo MAXXI, Pincio/Villa Borghese e Porta Pia (qui il pdf da stampare in 3 fogli).

Durante quest’edizione di Magnalonga verranno presentati alcuni tra i progetti di mobilità urbana sostenibile realizzati negli ultimi anni in Italia e presenti nel dossier Legambiente Ecosistema Urbano  alla sua diciassettesima edizione. Si partirà dal chiosco di Ponte Tazio, luogo legato alla “Ciclabile Nomentana che non c’è”, il cui progetto è attualmente in discussione, e da lì il cordone di 500 ciclisti si muoverà verso il centro della città. Numerose le iniziative durante le tappe: laboratori di educazione ambientale, intrattenimento musicale e teatrale, flash-mob e proiezione del video The bike side of the Force, lanciato a sostegno della manifestazione #salvaiciclisti svoltasi il 28 aprile scorso ai Fori Imperiali. Come ogni anno grande fermento per la “riffa” finale con in palio un viaggio bici+barca offerto da Girolibero, i campi estivi per bambini di Legambiente Mondi Possibili e soggiorni nella Country House Valle dell’Aniene, oltre a numerosi altri premi rigorosamente green.

Programma e tappe Magnalonga Roma 2012

Ore 13:00 
Appuntamento per ritiro di materiale, cartellini delle degustazioni, biciclette in affitto

Ore 13:30 
Mostra del progetto sulla pista ciclabile della Nomentana, a cura del comitato Nomentana Ciclabile Subito

Ore 14:00
Degustazione guidata di olio della Sabina a cura di Leonardo Altobelli di Aurum Sabinae

Aurum Sabinae

L’Azienda Agricola Altobelli si trova a Montelibretti, nella Sabina Romana e produce olio e ciliegie di alta qualità, portando avanti le tradizioni che da millenni caratterizzano la nostra terra. Usiamo metodi di coltivazione tradizionali che, insieme a tecnologie produttive moderne, ci consentono di avere prodotti freschi e genuini, ottimi per la salute e per il palato! Per info, visite in azienda e ordini: leonardo@aurumsabinae.it – 328 6268470

Ore 14.30 
Partenza da piazza Sempione (parco Caio Sicinio Belluto/Chiosco di Ponte Tazio)

Dalle ore 16.00 

Prima tappa: Parco Virgiliano (Parco Nemorense)

Degustazione di prodotti tipici a cura di Ecoeventiroma e merenda a due ruote con fette biscottate Gentilini e marmellata dell’Az. Agr. La Tartaruga.

Letture di brani e di poesie a cura di Marco De Cave, Mariano Macale e Fabio Appetito (Vongole & Merluzzi)

—–

ecoeventiroma

Ecoeventiroma, in collaborazione con Greenups, offrirà un’insalata di farro biologica in contenitori monoporzione ecocompatibili. Ecoeventiroma organizza eventi a 360° in sintonia con l’ambiente, utilizzando sempre alimenti biologici e a km zero, e materiali ecocompatibili.

gentiliniLa qualità e la tradizione Gentilini si uniscono per dare vita a prodotti unici e speciali come le fette biscottate. Il colore dorato, lo spessore di ogni singola fetta, il profumo meraviglioso, la friabilità e la croccantezza, le rendono davvero uniche. La ricetta delle fette biscottate, segretissima, è la stessa da sempre e nella lavorazione rispettiamo i naturali tempi di lievitazione. Sono infatti, necessarie oltre dieci ore di lavorazione per ottenere una fetta così buona, spessa e dorata.

la tartarugaL’azienda agricola marchigiana La Tartaruga offrirà per la degustazione un assaggio della vasta produzione di marmellate e conserve biologiche dai gusti più disparati e originali, come la conserva di castagne, le marmellate di limoni, prugne selvatiche e more di gelso, e la confettura di pomodori verdi. Il prodotto iniziale con cui sono fatte le conserve è quasi inalterato, senza l’aggiunta considerevole di zucchero, conservanti, coloranti, additivi chimici di alcun genere. [via Fonte Barile 6 CORRIDONIA (MC) 62014 – Tel 0733 432646 – Fax 0733 434198 – Email smarozzi1@alice.it]

—–

Seconda tappa: MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo

Apple Hour: degustazione di succo di frutta biologico Biosudtirol con accompagnamento musicale a cura di Anemos, sassofonisti a pedali.

BioSüdtirol

Un’agricoltura biologica per principio. I nostri oltre 170 contadini biologici operano nel pieno rispetto delle leggi ataviche di madre Natura, svincolandosi dall’impiego di agenti chimici grazie alla loro pluriennale esperienza nel campo dei sistemi regolatori biologici. Per questo motivo le loro mele e le loro pere sono pressoché prive di sostanze indesiderate e ricche di preziose fitosostanze secondarie quali ad esempio i fenoli, i flavonoidi, i licopeni e la vitamina C. Essi contribuiscono al mantenimento della molteplicità genetica preservando dall’estinzione antiche varietà di mele e pere, ormai rare, e prestando così un lodevole servizio non solo nei nostri confronti, ma anche verso le generazioni future.

Terza tappa: Pincio/Villa Borghese 

Degustazione di Tajine con verdure offerto da ConBio, accompagnato dai Bibanesi, grissini stesi a mano dell’Azienda Da Re e di specialità peruviane create da un “nuovo italiano”, Cesar Recharte, che con la moglie, Sheilla Diaz (ai fornelli), ha aperto il ristorante peruviano Inka’s Grill, grazie al contributo di PerMicro.

—–

bibanesi

Pezzettini di pane modellati a mano. L’impasto, ottenuto con farine ricche di glutine e prezioso olio extra vergine di oliva 100% italiano, è infatti lavorato a mano dopo una lentissima lievitazione di oltre ventisei ore: i famosi lieviti lunghi, così caratteristici della miglior tradizione artigianale. Rigorosamente privi di conservanti o additivi chimici, i Bibanesi sono il risultato di un’attenta ricerca sui sapori e di un’ampia sperimentazione, realizzate impiegando ingredienti scelti con cura e con amore per le cose buone che la natura ci offre. [www.bibanesi.com]

BioAppetì

Questa ricetta etnica BioAppetì, nell’innovativa confezione take away, rende anche una veloce pausa pranzo un viaggio nei colori e nei profumi di terre lontane. D’ispirazione magrebina la Tajine con verdure è un piatto ricco, proteico, altamente saziante a base di cous cous, verdure miste, ceci e spezie. Grazie alla pratica posata già inclusa nella confezione da 250gr basta un minuto per regalarsi sempre e ovunque il piacere di un buon piatto fumante, garantito biologico e 100% vegetale. BioAppetì seleziona ingredienti di qualità con un’attenzione speciale alla nutrizione: cereali e verdure aromatizzati delicatamente con spezie ed erbe diventano la soluzione ideale per chi ha poco tempo ma tanta voglia di prendersi cura di sé. [www.bioappeti.com]

permicro

Papa huancaina: una specialità peruviana a base di patate, crema di formaggio, uova, olive e spezie, cucinate da Sheilla Diaz e Cesar Recharte.

—–

Quarta tappa: Porta Pia/parcheggio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Degustazione offerta dall’Istituto Professionale Paritario per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera SAFI ELIS che propone una variante creativa della tradizionale panzanella, accompagnata dai salumi di Podere BioAmiata.

—–

Istituto Professionale Paritario Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera SAFI ELISPane, pomodoro e fantasia: buona, fresca e saporita, la panzanella è un piatto tipico della cucina contadina toscana. Sarà rivisitato dalle studentesse del SAFI ELIS con ingredienti della provincia romana per creare un aperitivo tradizionale dal gusto innovativo.

poderebioamiataPancetta, lardo e soppressata da agricoltura biologica offerti dal Podere BioAmiata, allevamenti biologici a Castiglione D’Orcia (SI)

—–

Ore 19:00 Piazza Sempione (parco Caio Sicinio Belluto/chiosco di Ponte Tazio)
Presentazione del libro NO BICI di Alberto Fiorillo, appassionato delle due ruote, giornalista de La Repubblica e portavoce di Legambiente. Fiorillo scrive un libro dissacrante, ironico e riflessivo che critica l’uso strumentale della bicicletta e punta il dito contro i ciclisti.

Ore 20.00/20.15 Arrivo dei ciclisti a Ponte Tazio
Aperitivo a base di tramezzini floreali a cura di SAFI ELIS e crema di nocciole Dea Nocciola a concludere le degustazioni. Visual Food: piccoli tramezzini dalla forma floreale prima decorano l’arrivo e poi si mangiano. Niente sprechi, sono piatti veri e propri. Tutto ciò che è commestibile può potenzialmente essere trasformato in VisualFood!

Ore 20:30
Canti di lavoro e di amore precario con i Disabiliè

Ore 21:00
Estrazione premi della riffa

Ore 21:30 Concerto degli Easy on the eye

Per chi rimane, degustazione di crema alla nocciola offerta da Deanocciola

—–

deanocciola

Deanocciola è un’azienda specializzata nella produzione di creme spalmabili biologiche a base di nocciole, rigorosamente della Tuscia, della varietà “Tonda gentile romana”. Le nocciole vengono poi miscelate ad altre materie prime da agricoltura biologica e con una costante attenzione alla ricerca della qualità. Deanocciola produce una vasta gamma di creme spalmabili per golosi e per intolleranti. Oltre alle creme a base di nocciole Deanocciola produce anche creme a base di semi oleosi: canapa, girasole, zucca, tahin e gomasio. Tutti i nostri prodotti sono senza glutine e la maggior parte sono senza latte; inoltre NON contengono aromi (di alcuni tipo), addensanti, conservanti e coloranti. L’intera filiera è certificata biologica e OGM-free.

—–

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui