Birra in bicchiere

E dopo Ratebeer, ecco risultati e classifica della migliore birra artigianale. La votazione popolare made in Italy è stata indetta da Andrea Turco, patron del blog Cronache Di Birra, gli Italian Beer Awards.

Al pari delle classifiche americane, queste non sono le verità assolute ma sono le scelte dei 3000 votanti (per la stragrande maggioranza lettori abituali del blog, come il sottoscritto).

Io per primo non condivido quasi nessuno dei vincitori, non condivido nel senso che non li avrei fatti vincere, non che non meritino, anzi, stiamo parlando del gotha della produzione brassicola italiana.

Queste le classifiche:

Miglior birrificio: Birra del Borgo – Borgorose (RI)

Birra-del-Borgo-Equilibrista

Con 452 voti validi il “popolo” ha scelto Birra del Borgo (RI) come migliore birrificio per il 2013, precedendo rispettivamente il Birrificio Lambrate di Milano, che ha ottenuto 402 voti, e il birrificio Extraomnes di Marnate (VA), con 327 voti.

Le altre posizioni nell’ordine: Ducato, Toccalmatto, Foglie d’Erba, Barley, Birrificio del Forte, Menaresta e Montegioco.

Miglior brewpub: Lambrate – Milano

Imperial Ghisa Birrificio Lambrate

Il Birrificio Lambrate argento tra i produttori, domina tra i brewpub con la bellezza di 893 preferenze ricevute. staccando nell’ordine il Birrificio Italiano di Lurago Marinone (CO), con 679 voti, e il Baladin di Piozzo (CN) con 553 voti. podio composto da i nomi storici per il settore. Quarta e quinta posizione rispettivamente per Troll e Birrificio Settimo.

Migliore beer firm: Buskers Beer – Roma

Caretta-bir-fud-G

Ha avuto la meglio Buskers Beer con 667 voti, la creatura di Mirko Caretta ha preceduto nell’ordine Sorrento con 609 voti e Via Priula con 545 voti. Quarto e quinto posto per due giovani realtà laziali, rispettivamente Stavio e Cerevisia Vetus.

Miglior pub/birreria: Ma che siete venuti a fà – Roma

Manuele Colonna birra sotto l'albero 2012

Miglior pub del 2013 lo storico Ma che siete venuti a fà (il Macche per gli amici) di Roma, il locale trasteverino si è imposto con 529 voti, precedendo rispettivamente l’Ottavonano di Atripalda (AV) con 462 voti e l’Open Baladin di Roma con 367 voti. Le altre posizioni sono state occupate nell’ordine da Taberna, The Dome, Locanda del Monaco Felice, Brasserie 4:20, Abbazia di Sherwood, Arrogant Pub e Sherwood Music Pub.

Miglior beershop: Bere Buona Birra – Milano

bere buona birra milano

Grande successo per il Bere Buona Birra di Milano, che dopo poco più di un anno di attività ottiene 553 voti precedendo nell’ordine il Bir Sciò di Quarto (NA) con 542 voti e il Domus Birrae di Roma con 466 voti. Quarto, quinto e sesto posto rispettivamente per il Bir&fud Beershop, il Birratrovo e Astral Beers.

Da notare un parallelismo con la classifica di Ratebeer che pure è stata molto criticata:

  1. Lambrate miglior brewpub
  2. Macche miglior bar
  3. BdB miglior birrificio

E voi? condividete le scelte del popolo? E’ aperto il dibattito cineforum per trovare la birra perfetta. E dirci in ogni regione dove si produce e beve la birra migliore.

PS. I risultati sono relativi ai migliori del 2013. A Cronache di Birra non fanno come alla Michelin e alle guide in genere che pubblicano l’anno precedente con l’indicazione di quello successivo.

15 Commenti

  1. Opinione personalissima.. Questi “awards” sono stati una vera bufala.. mi dispiace per i vincitori veri(su un paio di nomi avrei da ridire)

  2. I locali e i produttori sono presenti in quelle classifiche solo se erano già aperti nel 2013, e il Lambiczoon ha aperto solo alla fine del 2013. Inoltre uno degli aspetti di cui, per esempio ho tenuto conto io, sono stati i contributi che hanno dato questi locali e produttori alla diffusione della cultura della birra artigianale nel 2013 e questo è un elemento molto importante per favorire un ulteriore diffusione della cultura birraria in genere. Organizzare eventi o partecipare ad eventi con degustazioni e confronti è un grande valore in questo mondo, dal confronto e dalle bevute a volte nascono dei prodotti eccezzionali 🙂

    Si possono discutere tante cose, ma credo che la prima edizione abbia diritto di sperimentare in attesa di uan seconda edizione che riscontri maggiori consensi e votanti

    • Beer firm o brew firm è un produttore senza impianto proprio, inventa le ricette e le realizza da terzi oppure le fa fare a terzi seguendone di persona o meno il processo produttivo, in ogni caso dando ricetta e indicazioni.
      Il brewpub è un pub con annesso impianto di produzione, ergo che vende la birra che produce in loco.

  3. esiste un birrificio che si produce orzo e luppolo? tutta la filiera e che fa agricoltura magari come si deve rispettando il territorio? ecco questo sarebbe un bell’elemento di valutazione

    • Esattamente un elemento di valutazione per cosa?
      Perché se il luppolo e l’orzo prodotti in loco, ad esempio, facessero schifo, non sarebbe nua granc conquista…

      Comunque ne esistono.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui