Roma. Il menu estivo della Locanda Margon prende quota in aeroporto

Tempo di lettura: 2 minuti

alfio_ghezzi

Menu estivo e contest per Ferrari con Alfio Ghezzi, chef stellato del ristorante Locanda Margon,  in trasferta a Roma. Che però gioca in casa al bar Ferrari Spazio Bollicine (area Imbarco B – al Terminal 1 dell’aeroporto di Fiumicino).

ferrari_aeroporto

E si parte proprio con il contest “Il mio Brindisi all’estate” ideato dalla Fratelli Lunelli che gestisce Casa Ferrari. Formula semplice: bastava scrivere il proprio augurio per l’estate su un’apposita cartellina e farsi fare una foto vicino allo stand.  Tempo 3 giorni per le votazioni e si può  vincere un Magnum di Ferrari (ovviamente, anche noi, blogger e giornalisti, ci siamo impegnati, non si sa mai).

cacio_pepe

Alfio Ghezzi, ha raccontato il suo nuovo menù, ideato in esclusiva per lo Spazio Bollicine, e ha voluto sottolineare il suo legame con Roma, dove ha vissuto e ha lavorato.

E non poteva mancare una classica cacio e pepe, ma rivista con ingredienti trentini e servita in versione estiva: crema fredda di formaggio nel piatto, fusilli, sempre freddi, lamponi essiccati sbriciolati e una grattata di scorza di lime che donano entrambi al piatto una “ventata” di freschezza quasi caraibica. Promosso.

In abbinamento, un calice di Ferrari Brut Perlé Millesimato.

vitel_tonne

La seconda portata viene dal Piemonte: vitel tonné. La novità è che la salsa, non proprio dietetica, è stata alleggerita: niente maionese, ma un tuorlo bollito frullato con tonno al naturale e il brodo di vitellone. Gustosa, nulla da dire.

D’altronde Alfio Ghezzi è decisamente bravo a trasformare i piatti base in capolavori: ricordo ancora il suo pollo arrosto semplicemente divino. La carne invece non è il “solito bollito”, ma un roastbeef cotto al sangue e tagliato molto sottile. Tutto il piatto è servito con il sedano croccante, appena sbollentato, e una manciata di capperi dissalati.

In abbinamento si beve Ferrari Perlé Rosé.

Perché ve lo racconto in dettaglio? Per farvi venire voglia di fermarvi a fare lo spuntino in questo bar, se state partendo, o cercando uno dei pochi ed esclusivi Spazi Bollicine Ferrari in giro per l’Italia: a Porto Cervo, ad esempio, a Madonna di Campiglio, a Napoli o a Versilia.

insalata_frutta

Per terminare in bellezza o, meglio, leggerezza, Alfio Ghezzi ha pensato ad una tagliata di frutta, semplicissima, servita con la gelatina di sambuco e le foglioline di menta.

Si beve, ovviamente, anche con il dessert: Ferrari Maximum Demi Sec.

ferrari_bottiglie

All’evento, oltre lo chef, era presente anche Camilla Lunelli, la prima donna in cento anni di storia della cantina a occupare un ruolo di vertice nell’azienda acquistata dal nonno dal fondatore da Giulio Ferrari. L’azienda, fondata nel 1902, oggi è sinonimo di vini di qualità che nascono sulle colline trentine, rispettando il disciplinare TrentoDoc. E nello Spazio Bollicine all’aeroporto  di Roma si possono assaggiare tutte le riserve, anche le più prestigiose, al calice, a prezzi contenuti.

Un buon motivo per alzare un calice di bollicine prima del decollo?

2 Commenti

  1. Posso essere sincera e dire che a Fiumicino si mangia davvero male? Secondo me, anche il bar Mercedes e lo Spazio Bollicine Ferrari, che si presentano come eccellenze, lasciano piuttosto a desiderare come qualità dell’offerta gastronomica.
    Se fossi lo sponsor, proverei in incognito e poi pretenderei una qualità all’altezza dle nome…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui