Bevo rosa e vedo (Gambero) Rosso: basta con guide, file e poco vino!

Tempo di lettura: 2 min

fila

Partenze promettenti , aspettative non soddisfatte e file, file, file. È andata così alla Città del Gusto del Gambero Rosso la tanto attesa serata en rosé I Drink Pink.

gianfranco_pascucci stefano_callegari

Per aperitivo avevano pensato bene di offrire al pubblico (di pochi eletti) uno show cooking con tre nomi dell’enogastronomia romana: Stefano Callegari di Trapizzino, Massimo D’Addezio, il genio dei cocktail al Co.So (premiato anche dalla guida della Pecora Nera con 5 pecore), e Gianfranco Pascucci, una stella Michelin al Porticciolo di Fiumicino e pesce a gogò.

Mancava, invece, Andrea Berton da Milano.

guide_pratiche

Il tema dello show cooking a sei mani era la presentazione delle Guide Pratiche, ovvero, i “libretti d’istruzioni” a tema monografico: frutta, riso, pesce e pane&pizza, con le spiegazioni  di “com’è fatto” con i disegnini , i relativi consigli per gli acquisti e le immancabili ricette, degli chef e della cucina del Gambero Rosso.

Utili? Certo, ma dovranno sgomitare parecchio per farsi largo tra gli ennemila  ricettari “per tutti i gusti” che affollano le nostre librerie. Ad ogni modo, è stato bello vedere “le sei mani” in azione che hanno ideato per l’occasione un aperitivo vero e proprio: un daikiri al passion fruit e peperoncino e un trapizzino imbottito di pesce spada.

daikiri_trapizzino

In effetti, un bel daikiri serviva. Perché I Drink Pink è stata una delusione totale: solo 17 produttori  presenti (contro i 70 del Bere Rosa della scorsa settimana tanto per fare un confronto), nessuna etichetta particolarmente interessante tranne le scritte (Fashion Victim tanto per dirne una) o i disegni (farfalle o orsetti) .

A quel punto mi sono domandata quale criterio di scelta fosse stato seguito. Memore delle edizioni degli anni precedenti, aspettavo più proposte, più brio, più festa e … meno file.

file cibo

Cosa c’entrano le file, direte voi? Se ne sono formate di lunghissime per conquistare un boccone tra un bicchiere e un altro. A dire il vero non so nemmeno cosa sia stato sfornato visto che sono allergica alle file: piuttosto di perdere una mezzora, non mangio (e detto da me, vi assicuro, è grave).

Non ricordo la gente così  affamata alle altre manifestazioni alla Città del Gusto. La ricerca del “comfort food”, sebbene magro, è stato l’unico modo di compensare il rosa sbiadito del Gambero Rosso.

E ora so che penserete “ma non solo sei invitata e ti metti a criticare” oppure “potevi startene a casa” (sapendolo), ma voi dal Gambero Rosso che ha scritto un pezzo importante della cultura gastronomica italiana non vi aspettate sempre il massimo?

E ora, se volete, si tagghi chi può!

3 Commenti

  1. Commento solo per un’annotazione sull’etichetta di Rosa del Castagno di Fabrizio Dionisio. Si può essere favorevoli o meno alle farfalle ma conoscendo le prime (a cominciare dalla storia di quella del Syrah “Il Castagno”) era ovvio e giusto che si proseguisse con i disegni colorati…

  2. Ma a me piacciono le belle etichette! Vorrei solo che dentro ci fosse anche la sostanza, e non sto parlando della bottiglia con le farfalle 😉

  3. Messaggio ricevuto!
    In effetti volevo dire proprio che per Dionisio non si trattava, come capita a molti rosati purtroppo, di una scelta “piaciona” per acchiappare qualche appassionato in più ma del proseguimento naturale del concept già usato per gli altri vini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui