Regali di Natale. 5 bontà gastronomiche a prezzi convenienti

Tempo di lettura: 3 minuti

Ai Salotti del Gusto mi sono fatta un’idea chiara su come trascorrere le vacanze di Natale e di Capodanno.

Circondata da eccellenze gastronomiche italiane e da bravissimi chef, con tanto di stella Michelin, in una villa spettacolare come Villa Condulmer a Mogliano Veneto (Treviso).

E voglio arrivarci con una Jeep che mi porti anche sui luoghi del tartufo.

In due giorni ho partecipato ad attività divertenti, istruttive e gourmet. E mi sono regalata anche la maestria di Luigi Taglienti e Tommaso Arrigoni.

Ed ora sono in grado di segnalarvi 5 prodotti eccellenti da mettere sotto l’albero di Natale perché il miglior regalo è quello che si mangia con gusto!

1. Caviale

caviale_calvisius

Che c’è di nuovo, direte voi? Prodotto di lusso conosciuto, soprattutto se di provenienza russa o iraniana. Credetemi, questo caviale Da Vinci, chiamato così in onore di un italiano più famoso nel mondo, Leonardo da Vinci, uscito da pochissimi mesi, esattamente il 15 aprile, il giorno del compleanno dello scienziato, è prodotto dalle uova di storione dell’Adriatico. Non ha nulla da invidiare a quello russo: ve lo dico io che faccio scorpacciate di caviale fin da piccola.

Italian Caviar. 2 confezioni da 30 grammi: 127 €

2. Tartufo

Adesso quello bianco, ovvio. Ma l’azienda toscana Savini raccoglie il tartufo tutto l’anno, considerando che ne esistono svariate qualità, dal nero pregiato al bianchetto primaverile. Tutto grazie a Giotto, il cane meticcio dal fiuto eccezionale. I costi variano da stagione a stagione. Quest’anno siamo sui 2.000 euro al kg, ma se volete provare qualcosa di meno costoso, assaggiate le peschiole (piccolissime pesche verdi) al tartufo. Vanno giù che nemmeno le caramelle!

Savini. Peschiole al tartufo da 500 grammi: 13 €

3. Parmigiano Reggiano

parmigiano132mesi

E qui andiamo a puntare direttamente su un tesoro (non riesco a chiamarlo semplicemente formaggio) stagionato 132 mesi, che fanno 11 anni. Parmigiano da meditazione, da accompagnare con un vino ad hoc. Da Malandrone 1477 trovate anche prodotti meno stagionati come il “solo” 86 mesi, ma altrettanto strepitoso.

Malandrone 1477. Lo comprate on line a 33 €.

4. Prosciutto

Ma non chiamatelo semplicemente prosciutto, questi prodotti sono vere specialità di tradizione artigianale triestina. Deliziosa la spalla cotta con piede, fatta con la ricetta antica recuperata dall’azienda; saporito prosciutto cotto caramellato a secco, ma il prosciutto cotto in crosta di pane, delicatamente affumicato, è esaltante, soprattutto se servito tiepido, con quel grassetto che si scioglie in bocca (e chissenefrega della dieta!)

 Prosciutto Masé. Prosciutto in crosta di pane (12 kg) 175 €. Spalla (8 kg) 127 €. Prosciutto al caramello (9 kg) 131 €.

5. Spezie

Da amante della cucina e dei prodotti poco conosciuti, non posso che consigliare vivamente di visitare il sito di Tutte le spezie del mondo e di fare un tuffo in quelle più strane, più introvabili e più particolari. Peccato che gli aromi non si possono trasmettere attraverso lo schermo: ci sarebbe da “sniffare”. Oltre le confezioni singole, tutte curate e molto carine, adesso ci sono anche i cofanetti regalo, con un mix di spezie o con 9 varietà di peperoncini.

Tutte le spezie del mondo. Kit degustazione da 29,90 €.

Voi invece, cosa consigliate di regalare a Natale?

4 Commenti

  1. di là su Dissapore si parla di riviste indie.
    io invece da alcuni anni regalo (a mia mamma e a mia suocera) un abbonamento a riviste di cucina, soprattutto francesi, es. Elle à table e Saveurs (la mia preferita).

  2. vedendo la pubblicità alla Jeep nel post, mi chiedo, li paga Marchionne questi prodotti? Perchè a me economici-economici non sembrano.

  3. Dal sito Malandrone1477 leggo:

    Il piacere della lunga attesa
    Stagionatura fatta a precise temperature che permettono una continua e lenta fermentazione che darà poi al Parmigiano Reggiano Export Malandrone 1477 sapori e profumi unici ed esilaranti

    PROFUMI ESILARANTI???? Ahahaha 😀

    • Gentile omonimo che non sei me (e vice versa), mi pregio di sottolineare anche la “lenta fermentazione” per un formaggio che invece è sottoposto a lenta maturazione.
      Il parmigiano soggetto a fermentazione non viene neppure marchiato con il logo del consorzio…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui