Il burro non va in frigorifero: ce lo dicono gli americani

Tempo di lettura: 1 minuto

ricetta burro fatto in casa strizzare

Pare che sia davvero un annoso problema quello del burro per gli americani.

A sollevare la questione è l’Huffington Post, che titola, in un articolo a tutta pagina, “Do you Need To Refrigerate Butter? Here’s the Definitive Answer” ovvero “C’è bisogno di refrigerare il burro? Ecco la risposta definitiva“.

pane burro alici

Per rispondere alla domanda sono stati coinvolti esperti (tra cui la FDA – Food and Drug Adiministration) e sono state condotte indagini comparative tra i vari dibattiti presenti sul web. Ciò da cui muove questa tormentata questione è la frustrazione che incontrano molti americani quando, al mattino, sono costretti a spalmare sui toast un pezzo di burro duro e freddo. O quando alcuni (fortunatamente pochi) aggiungono al loro caffè caldo un pezzo di burro e questo non si scioglie.

pane e burro

La risposta dettagliata degli esperti è la seguente: il burro non ha alcuna necessità di essere refrigerato, a patto che venga conservato a temperatura ambiente (cioè entro e non oltre i 21°C). In queste condizioni il burro – un buon panetto di burro europeo, precisa l’Huffington Post – può durare una settimana (o due se si stratta di burro salato). In frigorifero invece il burro può durare circa un mese oltre quanto indicato sulla data di scadenza. Se invece lo congelate fresco, il burro in freezer può durare addirittura un anno.

olio burro paneCerto il nostro consumo di burro – alimento negli ultimi anni riabilitato –  è nettamente inferiore rispetto al resto del mondo, ma ritorna costante nei ricordi di infanzia: chi di voi non si è mai perso nel piacere di spalmare un velo di burro su pane appena tostato? Oppure su una fetta biscottata, in attesa di completare con la marmellata?

Bene, ora che i vostri amletici dubbi sono stati risolti, potete ripetere l’esperienza nel modo migliore possibile.

1 commento

  1. Mi sembra una questione irrilevante.
    Una delle TANTE che popola il WEB.
    (E spesso sono notizie spazzatura: ma non in questo caso)
    .
    Sulla riabilitazione del burro non è stata fatta molta chiarezza.
    .
    Era sbagliata la DEMONIZZAZIONE del burro.
    Come è sbagliata la DEMONIZZAZIONE
    dell’OLIO di PALMA
    dello STRUTTO.
    O quella dell’OLIO di COLZA(vi invito ad approfondire prima di storcere il naso)
    O, addirittura la svalutazione degli oli di semi(leggete attentamente quando si fanno dei confronti)
    FRITTURA:
    Non ne parliamo, poi, del comportamento dei diversi oli e grassi…in FRITTURA,
    cioè quando queste sostanze vengono sottoposte ad alte temperature.
    (Ad esempio lo strutto può essere usato come ingrediente in molte ricette della tradizione ma può essere usato come sostanza grassa in cui friggere un cibo, dolce o salato.
    .
    Sugli oli e grassi in frittura, c’è tanta strada da fare sulla chiarezza.
    .
    Riprendendo il discorso iniziale, RIABILITAZIONE che significa?
    Che mangiamo allegramente ed esageratamente burro?
    Mentre continuiamo a demonizzare l’olio di palma?
    (Quando dal punto di vista nutrizionale e medico poco cambia?)
    .
    PS
    Perché la rete è piena di notizie irrilevanti e di monnezza
    ed, invece, …trascura…fatti più importanti?
    .
    E’, per certi versi, la continuazione…della TV spazzatura.
    Che DISTRAE più che invitare a RIFLETTERE?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui