Pane e Nutella, la ricetta più facile del mondo e i riti dell’unboxing

Tempo di lettura: 4 minuti

Mi sono sempre fermata a ragionare davanti alla complessità maggiore che incontro nel preparare pane e Nutella, ricetta che apparentemente è facile. Perché non considerate che occorre aprire il barattolo.

Ok quello si svita. Poi c’è da rimuovere la carta argentata di protezione e già questo passaggio fa comprendere la difficoltà legata allo stato di fame.

Riassumo.

Sono tranquilla e non particolarmente affamata. Rimuovo con la delicatezza di uno artificiere alle prese con una bomba inesplosa della seconda guerra mondiale il cerchio che mi separa dalla crema spalmabile più buona del mondo. Passo con circospezione il dito sul bordo per essere sicura che ci sia solo vetro. Guardo il ricciolo che da quando ho aperto il primo barattolo di Nutella è sempre lì che mi guarda. È la porta della lussuria da affondare con un leggero colpo di coltello, di quelli tutti in acciaio a lama tonda, per spalmare con teutonica efficienza il velo, vabbè, la copertina sulla fetta di pane che ho pazientemente affettato facendo ben attenzione a tenere fuori la caverna che lascerebbe un cratere vuoto di nocciole, cioccolato e olio di palma.

nutella vasetto

Sono di fretta ma contengo la fame. Picchietto con il coltello da stesura un lato più prossimo al collo del barattolo. Al secondo colpo si apre una feritoia e uso il coltello come un apriscatole cercando di seguire la circonferenza. Il momento drammatico è nello stacco degli ultimi 2 – 3 centimetri quando un errore nella manipolazione del cerchio argentato lo farebbe precipitare sul ricciolo con la conseguente preghiera agli dei mani per evitare lo sconvolgimento della superficie cioccolattosa. La copertina di Nutella brilluccica.

Sono di fretta, affamata e in cerca di consolazione. La situazione peggiore. Afferro il cucchiaino del latte con il manico un po’ più lungo del normale. Affondo un solo colpo preciso al centro del disco argentato con la violenza di Bruce Lee quando stava incavolato assai e aveva da sterminare una legione di mezzi samurai. Allargo lo squarcio con un movimento a croce mentre prego che il fornitore dei dischi di carta argentata abbia previsto la possibilità che qualcuno non abbia letto le istruzioni per l’uso o non si sia avveduto della piccola linguetta. Una possibile pioggia di coriandoli e stelline ammanta la superficie mentre con mossa alla Steven Seagal roteo il barattolo per raccogliere la massima quantità di Nutella in un sol colpo. Mi ispiro ai venditori di zucchero filato. Non è previsto pane.

Ecco perché non potete dire che la ricetta Pane e Nutella sia facile. C’è tutta una complessità psicologica a reggere la scelta di prepararsela.

E sono grata a Vincenzo Falcone detto Delicious che me lo ha ricordato dalla pagina Instagram in cui colano nefandezze di ogni genere.

Anche per realizzare questa ricetta si può andare incontro ad ostacoli di natura tecnica riguardante l’uso delle materie prime; ma con impegno, dedizione e i giusti dosaggi, potrete godervi un piatto unico! Seguitemi per altre ricette 😂

Vincenzo, ti prego, dedica un meme anche all’unboxing del barattolo di Nutella. Salverai un sacco di vite perse nei meandri della crema spalmabile.

Confido in te.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui