Amuchina come birra alla spina: dove trovate l’idea diventata virale

Tempo di lettura: 3 minuti

L’amuchina, il disinfettante e soprattutto il gel da portare con sé per lavare le mani, è diventata una febbre incontrollabile ai tempi del Coronavirus.

Una via di mezzo tra una divinità cui affidare il proprio destino e il placebo dell’infodemia che soffia sulle paure più ingiustificate.

Che sono cresciute a dismisura fino a far lievitare i prezzi del banale (fino ad una settimana fa) piccolo flacone di amuchina con aumenti di prezzo del 600%.

Una vera follia collettiva cui hanno provato a mettere argine le ricette per fare l’amuchina a casa o la distribuzione di disinfettante degli studenti di Vibo.

🤚ALLA SPINA SOLO NEI MIGLIORI PUB!Stop #CoronaVirus ⛔️

Posted by Francesco Selicato on Wednesday, 26 February 2020

E poi c’è l’arma dell’ironia che cerca di ricondurre a normalità la corsa all’oro dell’amuchina.

Per Maurizio Crozza, l’amuchina è diventata il sogno erotico degli Italiani: la più desiderata a ogni ora.

Per Francesco Selicato, social media manager della Puglia e appassionato di birra, l’amuchina diventa una birra alla spina.

Nel pub Brasserie D’avril a Monopoli in provincia di Bari, Francesco Selicato che è anche responsabile delle birre del locale pugliese, ha montato su una spina l’etichetta dell’amuchina.

Ha postato la foto sulla sua pagina Facebook e il successo è stato immediato.

Più di 4.500 mi piace e quasi 3.000 condivisioni della foto che annuncia

🤚ALLA SPINA SOLO NEI MIGLIORI PUB!

Stop #CoronaVirus ⛔️

La pagina, che vuole offrire consigli utili a chi si avvicina al mondo della birra ed è seguita da appena 1.500 follower è schizzata in alto con il post diventato virale.

E molti si sono recati al pub di Monopoli per scattarsi un selfie accanto alla prima “birra all’amuchina”.

Per questo è necessario fare un avvertimento: NON esiste la birra all’amuchina né a qualcuno venga in mente di mettere amuchina nella birra. Non è questo il modo corretto per utilizzarla.

Sembra inutile specificarlo, ma in tempi di corda all’amuchina meglio avvertire per evitare che qualcuno vada all’ospedale ingurgitando una miscela fai da te.

Come ha risposto un commentatore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui