Guida Michelin e Coronavirus. Gli ispettori sono fermi

Tempo di lettura: 2 minuti

Fermi i ristoranti per l’emergenza Coronavirus.

Cosa succede ora con la Guida Michelin?

Al momento l’attività di prospezione è sospesa e quindi niente prove tavola per i dossier.

La Guida Michelin lancia un comunicato sull’account ufficiale Instagram a firma di Gwendal Poullennec, il Direttore Internazionale.

Ecco cosa dice.

“A nome di tutta l’équipe della Guida MICHELIN, voglio esprimere la mia più profonda solidarietà alle famiglie e ai cari delle vittime della Covid-19 e un profondo rispetto per coloro che si impegnano quotidianamente per arginare questa pandemia.
I ristoranti sono tutti basati sulla condivisione. Ma per ora, e per un periodo di tempo indefinito, non sarà possibile recarsi in questi luoghi conviviali per ammirare il talento degli chef e il loro lavoro in squadra dopo il servizio.
Siamo ben consapevoli del conseguente calo o della sospensione delle attività. Il sogno di una vita di molti cuochi viene messo a dura prova in questo momento. Vorrei esprimere il mio pieno sostegno a loro in questo momento di tensione che tutti noi desideriamo finisca rapidamente.
La Guida Michelin e i suoi team torneranno al più presto a dedicare tutte le loro energie per guidare i gastronomi verso il ritorno ai vostri stabilimenti.
Non solo i nostri ispettori saranno tra i vostri primi clienti, ma faremo in modo di nutrire la nostra appassionata comunità di gastronomi con le vostre ultime novità e creazioni, e io lavorerò per difendere la gastronomia con tutto ciò che ho.
Un ristorante che chiude per diverse settimane significa che un’intera comunità ne soffrirà. Non solo il personale dello stabilimento, naturalmente, ma anche i venditori al mercato, i pescatori, i contadini e tutti gli altri individui che dipendono dal ristorante per il loro sostentamento.
Alcuni chef hanno espresso i timori sulle implicazioni dei giudizi nella prossima edizione della Guida Michelin. Siamo pienamente consapevoli che questa situazione è senza precedenti. Pertanto, ci adatteremo alle circostanze per valutare i vostri ristoranti in modo giusto ed equo una volta che le cose saranno tornate alla normalità.
La comunità degli chef è una delle più dinamiche e affiatate del mondo e sono convinto che riuscirà a superare insieme questa tempesta”.

Gwendal Poullennec Direttore Internazionale della Guida MICHELIN

Adatteremo i nostri contenuti sul conto in base alla situazione per le prossime settimane. Restate sintonizzati!

View this post on Instagram

"On behalf of the whole MICHELIN Guide team, I want to express my deepest sympathy for the families and loved ones of the Covid-19 victims and a deep respect for those who are committed on a daily basis to curbing this pandemic. Restaurants are all about sharing. But for now, and for an indefinite period of time, it will not be possible to go to these convivial places to admire the talent of the chefs and their team service after service. We are well aware of the resulting drop or suspension of business. The lifelong dream of many chefs is being put to the test at the moment. I would like to express my full support for them during this tense moment that we all wish would end quickly. As soon as possible, the Michelin Guide and its teams will return to devoting all their energy to guide gastronomes on their way back to your establishments. Not only will our inspectors be among your first customers, but we will make sure to nourish our passionate community of gastronomes with your latest news and creations, and I will work to defend gastronomy with everything that I have. A restaurant that closes for several weeks means a whole community will suffer. It not only is of course the staff of the establishment but also the market vendors, fishermen, farmers and all the other actors who depend on the restaurant for their livelihoods. Some chefs have expressed their resulting fears about the implications on the next installment of the Michelin Guide. We are fully aware that this situation is unprecedented. Therefore, we will adapt to the circumstances to evaluate your restaurants in a fair and equitable manner once things have returned to normal. The community of chefs is one of the most dynamic and close-knit in the world and I am convinced that it will be able to weather this storm together." @gwendalpoullennec International Director of the MICHELIN Guide We will adapt our content on the account given the situation for the next few weeks. Stay tuned!

A post shared by MICHELIN guide (official) (@michelinguide) on

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui