No alla carbonara a c**** di cane. Lo spot di Charles Leclerc

Tempo di lettura: 2 minuti

Ci voleva un pilota di Formula 1, per giunta francese, per dire tutto quello che noi appassionati di gastronomia pensiamo da sempre.

Non rompete le scatole con quelle ricette a….

No, sono una signora e non posso finire la frase, ma vi invito a guardare la Pubblicità Progresso girata dal pilota della Ferrari Charles Leclerc insieme a Alessandro Cattelan .

Il pilota del Cavallino Rampante è stato ospite di Alessandro Cattelan nel corso della scorsa puntata del late night show di Sky Uno in diretta dal Teatro di Via Belli a Milano.

Charles Leclerc ha raccontato il suo lockdown e l’attesa per il prossimo campionato di F 1 che dovrebbe ripartire a luglio e poi ha accompagnato Cattelan in questo spot.

Uno spot per sensibilizzare la coscienza collettiva su un tema che sta a cuore a tutti.

Ogni anno nel mondo si combatte una guerra silenziosa e a perdere siamo tutti noi. Un delitto che si consuma nei locali, nelle strade, nelle case.

Ho ascoltato l’invito accorato e subito avevo messo mano al telefonino per spedire l’euro a sostegno di una qualche nobile causa.

Ma non era quel che pensavo.

Deflagra nell’etere il ringhio dei due.

La carbonara fatta a c…. di cane

E giù la disperazione.

Non si usa la panna, non ci vanno i würstel, non si usa il prezzemolo.

Non esiste la carbonara vegana

Bravi! Noooooooooooo.

È ora che tutti conoscano la verità.

(Sento un brivido che mi corre lungo la schiena).

Uova, guanciale, pecorino, pepe e nient’altro.

(Ho bisogno di una carbonara).

Bastano pochi ingredienti per fare molto, facciamolo insieme: carbonara, rien ne va plus

E sulla pasta nessuna discussione.

carbonara

Ecco, lunga o corta?

Basta che non ci sia la panna, i würstel e il prezzemolo per me potete utilizzare gli spaghetti e pure i rigatoni.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui