Zona bianca: ristoranti aperti la sera con il nuovo Dpcm del 15 gennaio

La zona bianca è la fascia di rischio minimo che permetterebbe a bar, ristoranti e pizzerie di aprire anche la sera. Entrerà nel nuovo Dpcm

Le riunioni del Governo, dei Presidenti delle Regioni e del Comitato Tecnico Scientifico della giornata di ieri hanno acceso una nuova speranza: la zona bianca.

L’idea è del ministro della Cultura Dario Franceschini. Nel corso della riunione ha proposto la zona bianca come quarta fascia di rischio che va ad aggiungersi alla zona gialla, arancione e rossa.

E che cambierebbe di molto il quadro delle riaperture e chiusure in Italia.

In zona bianca rientrerebbero le regioni più virtuose con gli indicatori migliori e un indice Rt inferiore a quello della zona gialla.

“Poiché la zona gialla ha limiti enormi, a cominciare dal coprifuoco, facciamo una zona bianca, nella quale si accede sotto un certo indice Rt di trasmissione dei contagi”, ha spiegato Franceschini.

La zona bianca significa ristoranti aperti la sera

Tradotto in termini pratici, bar, ristoranti e pizzerie resterebbero aperti anche la sera ma non oltre l’orario del coprifuoco. Cioè le 22, poiché la proposta di portare il coprifuoco alle 20 non sembrerebbe offrire risultati efficaci in termini di contenimento del contagio.

Una buona notizia che arriva dopo una giornata tormentata dagli annunci di una serie di inasprimenti delle misure restrittive che ha portato a quota 1 l’Rt che sancisce il passaggio alla zona arancione. Cioè il limite per la chiusura dei ristoranti anche a pranzo.

La nuova fascia bianca entra sul tavolo di lavoro. Dovrebbe essere tradotta in norma di legge a partire dal prossimo Dpcm (ma potrebbe anche essere un Decreto) che gli uffici legislativi di Palazzo Chigi presenteranno prima del 15 gennaio.

Il 15 gennaio dunque diventa la nuova data limite cui guardare per sperare a un possibile ritorno alla quasi normalità.

Il calendario alla scadenza del Decreto Natale e Capodanno dovrebbe vedere le regioni riprendere i propri colori giovedì 7 e venerdì 8 gennaio. Quindi quasi tutta l’Italia in zona gialla con ristoranti, bar e pizzerie aperti fino alle 18. Ma potrebbe essere prorogato il divieto di spostamento tra Regioni come accaduto nelle festività natalizie.

Sabato 9 e domenica 10 gennaio, l’Italia entrerebbe in zona arancione. Quindi bar, ristoranti e pizzerie chiusi del tutto.

Ancora in dubbio i colori per i giorni che vanno da lunedì 11 gennaio a venerdì 15 gennaio. Il ritorno ai colori del 7 gennaio o un’ordinanza del ministro della Salute per mantenere il divieto di spostamento tra le Regioni?

Perché con la nuova zona bianca da mettere a punto e la ricostruzione della scala che assegna i colori è difficile pensare ad un anticipo del prossimo Dpcm prima della scadenza del 15 gennaio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui