Campionato della Mozzarella di bufala 2022 finale

Campionato della Mozzarella: i caseifici di bufala che si giocano la finale

Finale nel Campionato della Mozzarella di Bufala con Vannulo contro Giuseppe Morese per la Non Dop e Il Casolare contro Jemma per la Dop

Shopping

Sono 8 i caseifici che portano la loro mozzarella di bufala in finale per conquistare il podio. Diciamolo meglio. Quattro caseifici che producono Mozzarella di Bufala Campana Dop comporranno la classifica a destra. Altri quattro si sfideranno in finale per la mozzarella da latte di bufala.

Un risultato già c’è e i bookmaker ora potranno puntare sul loro favorito nella conquista del gradino più alto del podio. Quello che incorona la migliore mozzarella di bufala Dop e quello della mozzarella di bufala Non Dop arrivate in finale.

Una galoppata entusiasmante a suon di scontri diretti. Dalle migliori 100 mozzarelle di bufala d’Italia (ma con un po’ di campanilistica presunzione, del mondo) abbiamo iniziato con gli ottavi.

E poi i quarti che hanno decretato i migliori caseifici per la semifinale. Due appuntamenti a carte coperte e raffiche di assaggi e di schede a Bistrot di Pescheria a Salerno.

Poi, per la semifinale del Campionato della Mozzarella di bufala, siamo passati a Caserta al Public House. Da Salerno a Caserta in questo scontro tra territori, abilità e filosofie che sono il sale della disfida alla ricerca della migliore mozzarella di bufala.

In sostanziale pareggio ai nastri di partenza, i campioni delle due scuole hanno visto assottigliare le proprie file. Il passaggio ai quarti ha visto il vantaggio di Caserta (6:2) nella Dop e la supremazia di Salerno (7:1) nella Non Dop.

In finale lo scontro tra Salerno e Caserta già vede la vittoria della mozzarella di bufala di Salerno nella Non Dop quale che sarà il verdetto finale. Nella Dop, un altro scontro al vertice invece potrà laureare campione un caseificio di Salerno o uno di Caserta. Sarà cappotto?

Gli scontri nella finale del Campionato della Mozzarella di Bufala

Campionato della Mozzarella di bufala 2022 giuria
Campionato della Mozzarella di bufala 2022 giuria

Ma riavvolgiamo il nastro per vedere come sono andate le cose nella semifinale del Campionato della Mozzarella, Bufale in Tavola. Che, come detto, si è giocata in terra casertana fronte Reggia che ne è simbolo.

Per l’occasione abbiamo allargato la giuria con la presenza di Antonella Amodio, Ornella Buzzone, Giustino Catalano, Francesco Corrado e Alfonso Del Forno. Cioè, una casertana, una ristoratrice, un criticissimo, un instagrammer e un gluten free per dirla in breve. Insieme al sottoscritto, Barbara Guerra e Albert Sapere.

Campionato della Mozzarella di bufala 2022

Carmen Autori ha pensato all’anonimizzazione e i campioni di mozzarella di bufala si sono contesi i posti in finale sempre allo stesso modo. Valutazione in centesimi e sequenza casuale delle uscite. Buio impenetrabile rischiarato dalle bocce da 250 grammi delle mozzarelle di bufala.

Il risultato degli 8 assaggi, 4 Dop e 4 non Dop, ha portato questa mozzarella di bufala alla finale per gli scontri del 1° e 2° posto e del 3° e 4° posto.

La finale per il 1° e 2° posto della Dop

Campionato della Mozzarella di bufala 2022 Il Casolare
Campionato della Mozzarella di bufala 2022 Jemma

Il Casolare batte Palato Bufalino e Jemma batte Agnena per cui la finalissima per aggiudicarsi il 1° posto Dop è

Il Casolare vs Jemma.

La finale per il 1° e 2° posto della Non Dop

Campionato della Mozzarella di bufala 2022 Vannulo
Campionato della Mozzarella di bufala 2022 Giuseppe Morese

Vannulo batte La Fenice e Giuseppe Morese batte Rosaria per cui la finalissima per aggiudicarsi il 1° posto della Non Dop è

Vannulo vs Giuseppe Morese.

Gli scontri per il 3° e 4° posto nella finale della mozzarella di bufala

A completare il quadro della finale, la lotta per il 3° e 4° posto nella mozzarella Dop vede Palato Bufalino ed Agnena.

Sul lato Non Dop, ci sarà lo scontro tra La Fenice e Rosaria.

Le note per la finale del Campionato della Mozzarella di bufala

Come dicevamo, Salerno è già in vantaggio perché nel tabellone Non Dop la sfida per il gradino più alto del podio è tra Vannulo di Paestum e Giuseppe Morese di Pontecagnano. Quindi la vittoria è matematicamente di Salerno. Caserta può solo provare a piazzare il suo rappresentante al 3° posto confidando nella vittoria della Fenice su Rosaria.

Situazione diversa per la Dop dove Il Casolare può aggiudicarsi il titolo per Caserta. Ma dovrà vedersela con Jemma che già l’anno scorso era arrivato al secondo posto battuto sul filo di lana dal caseificio di Don Peppe Diana del Casertano.

Lo scontro Caserta – Salerno è un classico

La sfida tra Il Casolare e Jemma è al calor bianco. Il caseificio di Battipaglia cercherà la rivincita e di entrare nell’Albo d’Oro del Campionato della Mozzarella vincendo la finale. Dal canto suo, Il Casolare vuole centrare l’obiettivo del 1° posto per far dimenticare il passo falso dell’anno scorso. E una sua vittoria porterebbe in pareggio Salerno e Caserta con la prima che si aggiudica matematicamente la Non Dop e Caserta che svetterebbe nella Dop.

Teresa Palmieri del caseificio Vannulo riceve il premio di Campione della Non Dop 2021

Occhi puntati anche su Vannulo (vincitore di categoria l’anno scorso) che ha un ruolino di marcia 2021 – 2022 veramente impressionante. L’unica sbavatura l’ha avuta proprio in semifinale con una mozzarella non all’altezza dei risultati precedenti. Ma nonostante la sbavatura ha prevalso sull’ottima Fenice che ha accusato egualmente un mancamento.

I pronostici della vigilia non possono che essere favorevoli per Vannulo, ma non sottovalutate Giuseppe Morese che, dopo un periodo di relativa stanca, è ritornato nella sua condizione migliore.

I numeri istantanei dicono anche che Il Casolare per la Dop dovrebbe avere i vantaggi del pronostico della mozzarella di bufala Dop nella finale. Ma la regolarità di Jemma è parimenti impressionante.

A Napoli, il 28 giugno, conosceremo i due vincitori della Dop e della Non Dop. Al tavolo di Palazzo Petrucci ci sarà una giuria ancora più larga. E sempre ad occhi bendati.




Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.