Alta Fedeltà. La lista definitiva delle 5 buone tavole per conquistarlaTempo di lettura: 2 min

Roma nun fa’ la stupida stasera
damme na mano a faie di de si
scegli tutte le stelle piu’ brillarelle
che c’hai e un friccico de luna
tutta pe noi

Pensa che ti ripensa, mumble mumble. Oggi proprio niente, la vertigine della lista sembra non volermi prendere. Le ho fatte tutte, ma cercare di capirci qualcosa è quasi impossibile. Non c’è una logica in cosa cattura l’attenzione, in cosa piace e cosa no. La sola possibilità è dimenticarsi di questi calcoli e andare avanti,

Sarà la primavera, sarà l’aria tiepida che lascia spazio a pensieri di svago e molesti. E allora ecco lo spunto: quali sono i ristoranti da acchiappo sicuro. Quelli che a cena romantica con la tua compagna o con una nuova fiamma, ti permettono un happyending pressoché assicurato?

  1. Primo, sicuramente il Clandestino di Moreno Cedroni. Sulla baia di ciottoli bianchi di Portonovo, uno chalet semplice e romantico. Al tramonto, poi è da infarto. La cucina è certificata dallo chef con bandana più famoso del mondo. Il tema di questa stagione è “susci selvaggio”, un ardito esperimento tra mare crudo e selvaggina in punta di fucile che promette scintille. Ardito
  2. Secondo di misura, l’ospitalità romantica e molto old fashion di una locanda d’altri tempi. Il Povero Diavolo di Torriana. Una vecchia casa disseminata di mobili antichi e di libri, perfetta per far colpo con quel fascino antico ed intellettuale. Il guizzo in più lo garantisce la cucina di Giorgio Parini, tutta erbe e profumi. poetica e gagliarda. Il solo rischio è lasciarsi distrarre dal talento. Romantico
  3. Un classico, la costiera sorrentina. Il Maxi dell’hotel Capo La Gala, è uno dei posti più belli dove sia mai stato. Il ristorante è in riva al mare davanti ad un panorama mozzafiato, la cucina del giovane Di Vuolo è intensa e golosissima, con una marcata matrice territoriale. La sera al tramonto, con la complicità di una cucina golosa e affidabile, non potrete sbagliare. Sicuro
  4. Non si può parlare di acchiappo e non pensare subito a Venezia, il De Pisis, non è il migliore ristorante della serenissima, ma sicuramente uno dei più belli e eccezionali per paesaggio. Cenare sulla terrazza affacciata sul Canal Grande con la chiesa della Salute di fronte è già emozionante, ma se ai fornelli c’è la cucina di Talento e dalle marcate note fusion di Giovanni Ciresa diventa una garanzia. Istituzionale
  5. Ultimo, ma solo perché più convenzionale e adatto a coppie tranquille, la piacevolezze delle Dolomiti. Godersi tutto quel verde e quei paesaggi incredibili sulla terrazza dell’Hotel Ciasa Salares è un’incanto. La cucina è la stessa della più nota Siriola e la vista è incredibile, per amanti della montagna. Alpino

Ecco i primi cinque indirizzi saltati in mente, e i vostri?

Foto: La Madia

26 Commenti

  1. Bhè una sosta al Relais Blu di Massa Lubrense secondo me potrebbe essere un uppercut vincente, quasi sembra di poter prendere con le mani un faraglione di Capri ed offrirlo in dono 😉

  2. già avevo deciso di andare a fare questo week end lungo al conero, ma dopo questo mi fiondo! Speriamo bene, se poi non funziona mi ridate i soldi?

  3. Quoto Relais Blu a Massa. Addirittura visitato a Novembre con un tempo da lupi. Quella vista davanti alla vetrata della stanza da letto è una roba indescrivibile. Io ero sola e non me ne importava nulla. Anzi, in luoghi del genere per me non c’è proprio bisogno di compagnia…a parte una boccia di shampoo!

  4. Promosso il Maxi a pieni voti e il Clandestino che è uno dei luoghi più romantici dove abbia mai bevuto una flute di champagne. Che dire della Ciasa? Una notte ( e i Bocchetti ricorderanno perchè avevano una casa proprio vicina all’albergo) saltò la corrente e nel bel mezzo di una nevicata andai in accappatoio sul balcone della mia stanza. Di fronte a me una montagna stranamente rassicurante, nonostante il freddo e il buio, mi convocava. Quella montagna apriva le braccia e coccolava, Quella è stata una notte veramente romantica e penso che qualsiasi coppia avrebbe potuto…Vabbè, tanto io ero sola quindi il problema non si poneva. Ah!ah!!!! Grande Bocs!!!

  5. Dunque, dunque…
    Al Povero Diavolo vado un paio di giorni ad inizio luglio, al Capo la Gala addirittura cinque a fine luglio, al Clandestino mi ci porti tu diretto da Francavilla. Mi sembra che per questa estate sono a posto, che dici?
    Gli altri li visito al prossimo giro…
    Pure Capofaro alle Eolie, a breve su questi schermi, pero’ non é male…per non parlare poi della casa di un amico a Rio…certi manicaretti in piscina!!!
    Ciao
    Nic

  6. Bocs, sai qual è un posto dove secondo me si cucca di brutto? il mio terrazzo! Ah!ah!!!!!!! Scherzo ovviamente…Però se ti interessa il genere cani nani e mordaci con orecchie da pipistrello, qui vai forte!

  7. ha risposto a Nicola Massa: Nicola, però secondo me il Povero Diavolo non è un posto adatto per conquistare una donna. Io ci sono stata ma per mangiare, il resto non riesco proprio a immaginarmelo sulle colline di Rimini. Sarà che ci sono cresciuta e mi sembra sempre di stare a casa di mia zia, però non mi convince nell’ottica che intende il post di Alessandro.

  8. ha risposto a Cristiana Lauro: Cri, ma io lato ‘cuccare’ dell’articolo non lo ho nemmeno preso in considerazione…conoscendo Bocs doveva stare proprio a corto di idee per scirvere dove rimorchiare, lui?!? Che il solo verbo gli fa venire l’orticaria! Secondo me Pagano lo affliggeva con telefonate notturne per avere un’altra classifica!:-)))
    E poi come hai detto giustamente tu, uno nei bei posti ci va anche da solo, anzi quando si é in due se ne dovrebbe avere meno bisogno!
    Baci
    Nic

  9. @ Nicola, invece mi sono assai divertito a scriverlo… e penso sia efficace… Secondo me funzionano tutti e cinque alla grande, anche il Relais Blu, la casa di Rio e altri che indicate…
    @ CRI, non tutti sono come noi… secondo me invece per una certa tipologia di donna, un po’ alternativointellettualfricchettona, funziona alla grande, certo non per bevitrici seriali di Dom enoteque 😛
    @ Carlo, vai tranquillo… cmq non rimborso nulla, mica creo pericolosi precedenti…

  10. li mortàààà…. io ar massimo quando vojo cuccà me posso permette la barakka de “coccia de morto”…
    Ma dubito ke sapete cos’è 😛

  11. Io parto giovedì e passerò due giorni a Capo La Gala e due al Relais blu. Ma più che conquistare devo confermare, visto che vado a festeggiare l’undicesimo anniversario di matrimonio 😀

    In compenso al Povero diavolo andrò a metà giugno, ma con un amico. E spero proprio di non conquistarlo 😀

  12. ha risposto a Antonio Scuteri: antonio, la conquista non finisce mai… e te lo dico io che convivo da 21 anni 😉
    e dopo sta botta di luogocomunismo me ne vado a cena in un altro luogo da “acchiappo”, la terrazza de le paillottes a pescara, ma con Leonardo e escudo anche io di conquistarlo 😛

  13. Si seduce sempre e solo in luoghi non seducenti, ma che abbiano una bellezza nascosta. Nel meraviglioso, come sono tutti questi posti, si passa il tempo a concordare il meraviglioso. E dove c’è il meraviglioso, non c’è senso.

  14. ha risposto a Andrea Sponzilli: E ci si becca si, caro Andrea! Anche a me fa piacere rivederti. La prima data potrebbe essere quella del 26 a L’Aquila per la cena da Percorsi di Gusto. Che ne dici?
    A presto
    Nic

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui