Pistacchi iraniani con aflatossine ritirati dal mercato

Tempo di lettura: 1 minuto

650 chili di pistacchi iraniani contaminati da aflatossine sono stati sequestrati dalla Ausl di Bologna. La sostanza, ritenuta tra le più cancerogene dall’agenzia internazionale per la ricerca contro il cancro, era presente in quantità cento volte superiore al limite di legge.

La scoperta è avvenuta in occasione di controlli del Caab (Centro Agroalimentare di Bologna) e ha portato all’attivazione immediata della procedura d’allerta rapida europea che prevede il ritiro del prodotto in vendita e in distribuzione in tutta Europa. Le aflattossine sono prodotte da funghi e possono svilupparsi su granaglie, mais, arachidi e semi oleosi,  sia nel campo che nella fase del trasporto e della trasformazione.

[Fonte e foto: repubblica.it]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui